Accedi oppure Registrati
Prima pagina Notizie Articoli Foto Dizionario dialettale Abystron teche Sostienici

dove

Direttore: Pio Giovanni Sangiovanni Credits | Privacy
 
16:26
Mercoledì
28/02/2024
Traduci English Français Español Deutsch Portuguese
Sei in /Italia/2007/Morto Enzo Biagi/Aforismi

Frasi famose di Enzo Biagi

  • La società è permissiva nelle cose che non costano nulla.
  • Cara Italia, perché giusto o sbagliato che sia questo è il mio paese con le sue grandi qualità ed i suoi grandi difetti.
  • Nella storia dell'umanità non cala mai il sipario. Se solo ci si potesse allontanare dal teatro prima della fine dello spettacolo.
  • Era così ignorante che credeva che la cedrata fosse un'opera minore del Tassoni.
  • L'uomo, qualche volta, è come le scimmie: ha il gusto dell'imitazione.
  • I giornali sarebbero ansiogeni? Ma la Bibbia non comincia forse con un delitto?
  • Qualche volta è scomodo sentirsi fratelli, ma è grave considerarsi figli unici.
  • A Milano gli affari si combinano con un colpo di telefono, a Palermo anche con un colpo di lupara. Credo nella libertà di espressione, cioè giornali e televisioni liberi di criticare il potere.
  • Di Berlusconi si è detto tutto, alcuni sostengono abbia fluidi particolari ma per quanto ne so il signore concesse solo a Colleonitre di quelle cose che come le suore e i carabinieri sono distribuiti a coppie.
  • Nel cinturone dei soldati del Fuhrer c'era scritto "Gott mit uns", Dio è con noi. Hitler lo aveva arruolato.
  • La mia generazione trovava eccitante leggere un'edizione della Divina Commedia con le illustrazioni del Doré. Adesso sui muri c'è scritto Culo basso bye bye. Capisce che è un po' diverso?
  • Se Berlusconi avesse le tette farebbe anche l'annunciatrice.
  • Le verità che contano, i grandi principi, alla fine, restano sempre due o tre. Sono quelli che ti ha insegnato tua madre da bambino.
  • Ho sempre creduto che, se c'è un posto al mondo dove non esistono le razze questo è proprio l'Italia: infatti le nostre antenate ebbero troppe occasioni di intrattenimento.
  • Quando sento dire che uno è considerato un innovatore perché decide di leggere il TG in piedi, è come se ti chiedessero se scrivi con la biro o con la macchina, e quanto questo influisce.
  • La "devolution", una parola che sembra inventata da Celentano.
  • Sono un giornalista che ricorre, con una certa frequenza, alle citazioni, perché ho memoria e perché ho bisogno di appoggi: c'è qualcuno al mondo che la pensava, o la pensa, come me.
  • Credo che la libertà sia uno dei beni che gli uomini dovrebbero apprezzare di più. La libertà è come la poesia: non deve avere aggettivi, è libertà.
  • Dopo tre apparizioni in video, qualunque coglione che viene intervistato dice la sua e anche quella degli altri.
  • La democrazia è fragile, e a piantarci sopra troppe bandiere si sgretola.
  • Il nostro – diceva Flaiano – è un Paese di giocatori del totocalcio.
  • Il bello della democrazia è proprio questo: tutti possono parlare, ma non occorre ascoltare.
  • È difficile non desiderare la donna d'altri, dato che quelle di nessuno di solito sono poco attraenti. Conosco tipi che sarebbero brutti anche in Corea. Si può essere a sinistra di tutto, ma non del buon senso.
Fonte: aforismi.meglio.it
Ascolta con webReader

 


0 commenti.

Per visualizzare lo spazio commenti è necessario accedere al sito.

Accedi
Nome utente
Password
 
 
Registrati | Recupera dati
In questa sezione