Accedi oppure Registrati
Prima pagina Notizie Articoli Foto Dizionario dialettale Abystron teche Sostienici

dove
Direttore: Pio G. Sangiovanni Credits | Privacy
21:15
Venerdì
10/04/2020
Traduci English Français Español Deutsch Portuguese
Sei in /Italia/ANNO 2012/No a scuole caserma

Scuola, Greco (AND). No a scuole caserma

 

Francesco Greco, Presidente dell'Associazione Nazionale Docenti, boccia senza mezzi termini il progetto di legge di riforma degli Organi Collegiali della Scuola approvato dalla Commissione Cultura della Camera. «Una riforma ottriata che trasformerà le nostre scuole in caserme» e che vede fra i suoi sostenitori proprio coloro che l'avevano fortemente avversata quando sedevano fra i banchi dell'opposizione.

 COSENZA - «L'approvazione dalla Commissione Cultura della Camera del progetto di legge di riforma degli organi collegiali della scuola conferma ancora una volta l'inettitudine di una classe politica incapace di adottare innovazioni che corrispondano alle reali esigenze del nostro sistema di istruzione», è quanto ha affermato il prof. Francesco Greco, presidente dell'AND, Associazione Nazionale Docenti. «Se il progetto di legge dovesse essere approvato dal Senato - prosegue Greco - getterà sulla scuola una riforma ottriata (octroyée) che trasformerà le nostre scuole in caserme, scardinando alla radice i principi fondanti del nostro sistema educativo, enunciati nella Carta della Repubblica Italiana».

«Ciò detto - secondo Greco - appare assai singolare che a questo progetto di legge, presentato nel lontano 2008, inaspettatamente sia stata assegnata una corsia preferenziale, qual è quella legislativa; che si estrometta, in evidente deroga al regolamento della Camera, da ogni valutazione l'Assemblea del Parlamento e che si precluda ogni forma di ascolto del mondo della scuola. Come altrettanto singolare appare che una forza politica di opposizione, prima strenua oppositrice del progetto di legge, poi d'emblée ne diviene fervida sostenitrice. Si sa, i ruoli nella politica nostrana possono cambiare e con essi le opinioni, ma è insolito che tutto questo avvenga poco prima che un suo rappresentante salga sullo scranno più alto della Commissione che, vuole il caso, era stato appena lasciato libero proprio dalla presentatrice del progetto di legge».

 «L'auspicio - conclude Greco - è che il Senato sappia fare tesoro, ascoltandole, delle tante critiche che giungono dal mondo della scuola e della società e che rimandi al mittente una riforma profondamente sbagliata».

 

16/10/2012
Bookmark and Share
Ascolta con webReader

 


0 commenti.

Per visualizzare lo spazio commenti è necessario accedere al sito.

Accedi
Nome utente
Password
 
 
Registrati | Recupera dati