Accedi oppure Registrati
Prima pagina Notizie Articoli Foto Dizionario dialettale Abystron teche Sostienici

dove
Direttore: Pio G. Sangiovanni Credits | Privacy
05:20
Domenica
25/10/2020
Traduci English Français Español Deutsch Portuguese
Sei in /Mondo/2004/Strage di Ossezia

Il blitz fa strage di innocenti

Tortora Marina - Franco Guerrera, navigante sul sito Abystron.org, ci ha inviato una riflessione della Presidenza Nazionale dell’Unitalsi (Unione italiana trasporto ammalati a Lourdes e santuari internazionali) sulla “strage di innocenti” avvenuta in Ossezia (Russia) il 3 settembre ’04

"IL BLITZ FA STRAGE DI INNOCENTI"

«L’orrore ed il male continuano a scrivere pagine di disperazione e di sangue nella storia dell’umanità; lo strazio dei bambini in Ossezia è il segno di una follia che corrode dall’interno ogni nostro respiro di speranza.
Continua a risuonare nel tempo il grido disperato di Rachele che piange i suoi figli, mentre Erode moltiplica la sua presenza, approfittando dei troppi che restano alle finestre, muti ed estranei spettatori dello scempio, attenti a non essere toccati dagli schizzi di sangue di una umanità ferita.
Erano i nostri bambini, i nostri figli, uno ad uno; come sono i nostri bambini che muoiono di povertà, di malattia, quelli ai quali è negata patria e futuro, quelli schiacciati dalle bombe, di guerre infinite, quelli che diventano ostaggi assurdi di un terrorismo senza giustificazioni.
La vergogna e il dolore della storia ci appartengono. Erano, sono e saranno sempre i nostri bambini, tutti, ovunque, sempre.
E ci sentiamo responsabili della loro vita, ovunque siano, come della loro libertà.
Per loro e con il nostro impegno continueremo a costruire spazi di speranza e di tenerezza, perché il Male non vinca la sua battaglia abituandoci al disincanto del dolore irrimediabile e il Dio della Vita si faccia presenza di consolazione e di pace
».

 

Mi consenta di ricordare una ‘’Lettera aperta’’ dell’avv. Tommaso Calculli socio Unitalsi di Matera, intitolata “SIAMO ANCORA TUTTI SOTTO ACCUSA E SENZA SCUSANTI, pubblicata nel dicembre 2003 che così conclude:
«Soltanto se il mondo sarà formato da famiglie sane la pace duratura sarà una sicura conquista».

Infine, io aggiungo che tutte le Nazioni debbano condividere un impegno per costruire una nuova speranza.

Tortora Marina, 10/09/04;
Franco Guerrera, navigante sul sito Abystron.org

10/09/2004
Bookmark and Share
Ascolta con webReader

 


0 commenti.

Per visualizzare lo spazio commenti è necessario accedere al sito.

Accedi
Nome utente
Password
 
 
Registrati | Recupera dati