Accedi oppure Registrati
Prima pagina Notizie Articoli Foto Dizionario dialettale Abystron teche Sostienici

dove
Direttore: Pio G. Sangiovanni Credits | Privacy
02:48
Giovedì
26/11/2020
Traduci English Français Español Deutsch Portuguese

Epifania manifestazione di Gesù a tutti gli uomini

Carissimi, ho messo insieme nella locandina la manifestazione di Gesù all'epifania (testualmente proprio tale: manifestazione) con quella del suo battesimo. C'è una continuità che ci riporta al manifestarsi di Dio nella nostra vita, ma anche all'affiorare dei compiti specifici che ci sentiamo da lui affidati. Se nessuno vive o muore per se stesso (S.Paolo), viviamo tutti per una missione. Ciascuno di noi. E' il tema della Chiesa Italiana per l'anno iniziato ed è un tema fondamentale per la nostra stessa esistenza umana, oltre che cristiana. Vi scrivo in una pausa del ritiro che il gruppo Puntopace di Tortora sta tenendo alle Sarre oggi. Ci sono molti dei nostri giovani, alcuni dei quali, di ritorno dall'Università per le vacanze natalizie. Ci sono anche oltre a don Benjamin, Gabriele e Hiralal, indiani, studenti di teologia a Catanzaro. Non sono nuovi delle Sarre e salutano e augurano Buon nuovo anno a quanti li conoscono. GM

LA LOCANDINA - L’epifania indica la manifestazione di Gesù a tutti gli uomini, di qualsiasi popolo, purché, come i sapienti Magi, non rinuncino a cercare il senso della vita e della storia. A chi cerca la Verità, prima o dopo la Verità si manifesta. Ma non come astrazione, ma piuttosto come punto di orientamento verso cui camminare e come indicazione del proprio posto nel mondo e del proprio compito da assolvere. Arrivare a questo è già un grande dono e prelude a quella consacrazione della propria esistenza ad uno scopo che è espressa dal battesimo. Battezzati, al pari di Gesù, anche noi per una missione, riceviamo luce ed energia sufficienti a percorrere, come i Magi, vecchie e nuove le vie, per indicare, a quanti la cercano ancora, la stella luminosa che è Cristo. È l’unica stella che rimane sempre accesa, mentre si vanno spegnendo le stelle artificiali nelle nostre case e nelle nostre città.

EPIFANIA -Battesimo di Gesù (B) 2006
Verso un punto lontano
camminano i Magi, un punto luminoso
che è lo stesso che nel giorno del tuo battesimo
rischiara d’un tratto il tuo futuro cammino.
In quella luce che spalanca il cielo
leggi la tua sorte e il tuo mandato,
mentre lo Spirito scende a consacrarti,
come colomba e tu sei
con tutto il popolo di Dio nell’acqua
che rigenera e dà vita.
Tu, Cristo, nostro salvatore,
a quelle acque ci aspetti e lì mandi anche noi,
perché siamo immersi
in quel destino di uomini e di donne
che, camminando insieme,
vadano incontro alla stella
invocata del mattino. (GM/6.9/01/06)

Vangelo di Matteo (2,1-12) - "Gesù era nato in Betlemme di Giudea, all'epoca del re Erode. Dei magi d'Oriente arrivarono a Gerusalemme, dicendo: «Dov'è il re dei Giudei che è nato? Poiché noi abbiamo visto la sua stella in Oriente e siamo venuti per adorarlo». Udito questo, il re Erode fu turbato, e tutta Gerusalemme con lui. Riuniti tutti i capi dei sacerdoti e gli scribi del popolo, s'informò da loro dove il Cristo doveva nascere. Essi gli dissero: «In Betlemme di Giudea; poiché così è stato scritto per mezzo del profeta: "E tu, Betlemme, terra di Giuda, non sei affatto la minima fra le città principali di Giuda; perché da te uscirà un principe, che pascerà il mio popolo Israele"». Allora Erode, chiamati di nascosto i magi, s'informò esattamente da loro del tempo in cui la stella era apparsa; e, mandandoli a Betlemme, disse loro: «Andate e chiedete informazioni precise sul bambino e, quando l'avrete trovato, fatemelo sapere, affinché anch'io vada ad adorarlo». Essi dunque, udito il re, partirono; e la stella, che avevano vista in Oriente, andava davanti a loro finché, giunta al luogo dov'era il bambino, vi si fermò sopra. Quando videro la stella, si rallegrarono di grandissima gioia. Entrati nella casa, videro il bambino con Maria, sua madre; prostratisi, lo adorarono; e, aperti i loro tesori, gli offrirono dei doni: oro, incenso e mirra. Poi, avvertiti in sogno di non ripassare da Erode, tornarono al loro paese per un'altra via".

Vangelo di Marco (1,7-11) - "E predicava, dicendo: «Dopo di me viene colui che è più forte di me; al quale io non sono degno di chinarmi a sciogliere il legaccio dei calzari. Io vi ho battezzati con acqua, ma lui vi battezzerà con lo Spirito Santo». In quei giorni Gesù venne da Nazaret di Galilea e fu battezzato da Giovanni nel Giordano. A un tratto, come egli usciva dall'acqua, vide aprirsi i cieli e lo Spirito scendere su di lui come una colomba. Una voce venne dai cieli: «Tu sei il mio diletto Figlio; in te mi sono compiaciuto»".
04/01/2006
Bookmark and Share
Ascolta con webReader

 


0 commenti.

Per visualizzare lo spazio commenti è necessario accedere al sito.

Accedi
Nome utente
Password
 
 
Registrati | Recupera dati