Accedi oppure Registrati
Prima pagina Notizie Articoli Foto Dizionario dialettale Abystron teche Sostienici

dove
Direttore: Pio G. Sangiovanni Credits | Privacy
02:12
Giovedì
26/11/2020
Traduci English Français Español Deutsch Portuguese
Sei in /Rubriche/La Locandina/La locandina 2006/Agosto 06/20^ Domenica dell'anno (b)

La Sapienza si è costruita la casa

Carissimi, con gli abituali saluti, oggi un saluto tutto particolare a Elia, Volker e Damian, giovani tedeschi passati recentemente dal nostro eremo (also einen besonderen Gruss an Euch, Elia, Volker und Damian. Alles Gute! Meldete Euch bald! Ein Foto für Euch liegt bei). Tra loro c'era Elia, nipote di Johannes Meier, Ordinario di Storia della Chiesa a Mainz), che saluto anche cordialmente e che alcuni di voi conoscono. Elia è figlio della sua sorella Maria e di Leonardo, italiano proveniente dalle Puglie: una bella sintesi italo-teutonica! Presterà il suo servizio di volontariato con la Pax Christi per un anno, presso la casa per la pace di Firenze. Chi frequenta luoghi simili, e io mi auguro che siate in tanti, lo incontrerà presto...
Per loro e per chi volesse dare un'occhiata al meraviglioso scenario dell'Isola Dino a Praja a Mare allego questa foto... Non me lo dite: tra loro ci sfigura un po' la mia pancia di cinquantenne inoltrato... ma prometto che mi metterò a dieta. So anche questo: si dice sempre così. Vi voglio bene! Buon fine settimana, vs. Giovanni M.

LA LOCANDINA - «Questa è la mia carne data per voi, questo è il mio sangue versato per voi!»: molto probabilmente sono queste le parole pronunciate da Gesù nella sua lingua (l’aramaico) sul pane e sul vino nell’ultima cena. Indicano molto realisticamente la sua sorte già segnata dalla violenza, ma al contempo esprimono la sua volontà di farne il veicolo di una comunanza di destino con i suoi discepoli. Pane e vino sono pertanto quella sua carne oltraggiata e quel sangue versato ma non sono il segno della sconfitta, al contrario, nell’onnipotenza del suo amore, Gesù li rende strumento di una straordinaria comunanza di noi tutti alla sua condizione: la condizione di chi affronta la vita e la morte con negli occhi e nel cuore la certezza che l’amore è più forte e perciò non solo non perisce, ma si esprime al suo massimo grado.

20^ Domenica dell’anno B - 2006
Tu, Gesù, ci inviti ad una mensa
che ci dà molto di più che la sapienza,
e mentre noi con i familiari e amici più cari
mangiamo gli stessi cibi
e beviamo le stesse bevande
sentendoci una cosa sola con loro,
molto di più riceviamo sedendo a mensa con te:
sentiamo con stupore
che Tu ci offri la tua stessa vita,
quella indicata nella carne e nel sangue
che l’hanno intessuta e sostenuta.
Carne e sangue sono la tua persona,
ma sono anche la tua storia e la tua sorte
segnata da un’immane tragedia
che non ha ucciso la cosa più importante,
ma ha fatto esprimere
all’infinito quell’infinito amore
con cui la tua vita spezzata
e il tuo sangue versato
raggiungono questa nostra carne mortale
e questo sangue che ci scorre nelle vene,
rendendoci immortali. (GM/20/08/06)

Libro dei Proverbi (9,1-6) - "La Sapienza si è costruita la casa, ha intagliato le sue sette colonne. Ha ucciso gli animali, ha preparato il vino e ha imbandito la tavola. Ha mandato le sue ancelle a proclamare sui punti più alti della città: «Chi è inesperto accorra qui!». A chi è privo di senno essa dice: «Venite, mangiate il mio pane, bevete il vino che io ho preparato. Abbandonate la stoltezza e vivrete, andate diritti per la via dell'intelligenza»".
Vangelo di Giovanni (6,51-58) - "Io sono il pane vivo, disceso dal cielo. Se uno mangia di questo pane vivrà in eterno e il pane che io darò è la mia carne per la vita del mondo». Allora i Giudei si misero a discutere tra di loro: «Come può costui darci la sua carne da mangiare?». Gesù disse: «In verità, in verità vi dico: se non mangiate la carne del Figlio dell'uomo e non bevete il suo sangue, non avrete in voi la vita. Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue ha la vita eterna e io lo risusciterò nell'ultimo giorno. Perché la mia carne è vero cibo e il mio sangue vera bevanda. Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue dimora in me e io in lui. Come il Padre, che ha la vita, ha mandato me e io vivo per il Padre, così anche colui che mangia di me vivrà per me. Questo è il pane disceso dal cielo, non come quello che mangiarono i padri vostri e morirono. Chi mangia questo pane vivrà in eterno»".
18/08/2006
Bookmark and Share
Ascolta con webReader

 


0 commenti.

Per visualizzare lo spazio commenti è necessario accedere al sito.

Accedi
Nome utente
Password
 
 
Registrati | Recupera dati