Accedi oppure Registrati
Prima pagina Notizie Articoli Foto Dizionario dialettale Abystron teche Sostienici

dove
Direttore: Pio G. Sangiovanni Credits | Privacy
12:10
Sabato
16/12/2017
Traduci English Français Español Deutsch Portuguese

Consorzio di Bonifica Valle Lao. Wanda Ferro difende Macrì e critica Oliverio.

CALABRIA - La Consigliera regionale del gruppo misto Wanda Ferro interviene sulla vicenda che da diverso tempo ormai vede al centro di vivaci polemiche il Consorzio di Boinifica Valle Lao. In un comunicato difende l'operato del Commissario Macrì esprimendo apprezzamento per il suo operato e critica la decisione del Governatore della Calabria Oliverio per averlo sostituito con un nuovo Commissario. La Ferro chiede chiarezza sulla situazione finanziaria dell'Ente che sembra ormai giunto a un passo dal collasso. Ecco di seguito il testo integrale del documento.

"La decisione del presidente Oliverio di nominare un nuovo Commissario Straordinario del  Consorzio di Bonifica ex Valle Lao di Scalea ha suscitato diverse perplessità e, a partire da quelle dei sindaci di sei comuni: Orsomarso, Belvedere Marittimo, Santa Maria del Cedro, Grisolia, San Nicola Arcella e Cetraro. Perplessità legate soprattutto alla scelta di sostituire la guida dell'ente consortile dopo l'intenso lavoro di concertazione con le organizzazioni sindacali Cisl e Uil messo in campo dal commissario Macrì, che in una dettagliata relazione ha portato alla luce la gravissima situazione finanziaria del Consorzio, che non può che ripercuotersi sui diritti dei lavoratori. Nella relazione del Commissario, di cui immagino sia al corrente il governatore, si parla di una "progressiva ingravescenza dei conti" di cui  non è mai stata data "corretta informazione agli Uffici Regionali né mai particolari forme di controllo sono state esercitate sull'Ente. Sicchè come conseguenza automatica e scontata si è determinato il blocco degli stipendi per mancanza di cassa". Secondo il commissario "le cause del complesso stato contabile sono da ricercare in molteplici fattori. Tra questi occorre fare necessario riferimento per importanza e quantità allo stato elefantiaco del contenzioso, di cui neppure gli uffici hanno fornito un'esatta determinazione. Attraverso condotte amministrative censurabili e continue cause si è determinato un quadro di inesigibilità dei diritti sindacali dei lavoratori". Più avanti nella relazione il commissario descrive "uno stato deficitario delle finanze che ha portato alla lenta ma progressiva erosione di ogni risorsa per l'insopprimibile esigenza di pagamento degli stipendi" ed evidenza "la completa erosione delle risorse accantonate come TFR dei dipendenti e delle somme derivanti dalla forestazione. Ciò depone per un quadro reale di bilancio particolarmente allarmante unito alla sostanziale incapacità di determinare i debiti fuori bilancio".  Mentre qualche sindaco parla addirittura dell'ipotesi di portare in tribunale i libri contabili del Consorzio, i lavoratori chiedono chiarezza sul loro futuro e sul destino di un ente che ha un ruolo importantissimo nella salvaguardia del territorio e nel sostegno all'economia agricola. Non entrando nel merito delle polemiche e delle posizioni delle diverse sigle sindacali, ritengo necessario che il presidente Oliverio faccia chiarezza, come chiedono i sindaci del comprensorio, sullo stato finanziario ed economico del Consorzio di bonifica, chiaramente ereditato dalle precedenti gestioni, e chiarisca le ragioni che lo hanno spinto a decidere per un nuovo commissariamento".

 

08/08/2017
Bookmark and Share
Ascolta con webReader

 


0 commenti.

Per visualizzare lo spazio commenti è necessario accedere al sito.

Accedi
Nome utente
Password
 
 
Registrati | Recupera dati