Accedi oppure Registrati
Prima pagina Notizie Articoli Foto Dizionario dialettale Abystron teche Sostienici

dove
Direttore: Pio G. Sangiovanni Credits | Privacy
16:30
Sabato
25/03/2017
Traduci English Français Español Deutsch Portuguese
Sei in /Italia

ITALIA


13/02/2017

Promozione della cultura umanistica, made in Italy e creatività. Occorre un chiarimento.

ITALIASCUOLA - Lo "Schema di decreto legislativo recante norme sulla promozione della cultura umanistica, sulla valorizzazione del patrimonio e delle produzioni culturali e sul sostegno della creatività (Atto n. 382), sembra caratterizzarsi per una sequela generica di buone e nobili intenzioni, tutte sottoscrivibili in linea di principio ma che, tuttavia, andranno inesorabilmente a scontrarsi con i problemi di natura finanziaria e con l'assenza di risorse che da sempre penalizza il mondo della scuola e della scuola pubblica in particolare. Non si possono leggere in modo diverso alcuni testi di riferimento della bozza di decreto che citiamo a titolo di esempio:

29/01/2017

Audizioni VII Commissione Cultura della Camera. Giungono al pettine tutti i nodi della Legge 107/2015

ROMA - Con le audizioni presso la VII Commissione Cultura, Scienza e Istruzione della Camera, sui decreti attuativi varati la settimana scorsa dal Consiglio dei ministri, vengono al pettine tutti i nodi e le contraddizioni della legge 107/2015. Particolarmente significativo è stato in tal senso l'intervento dell'AND, la cui delegazione composta dal presidente Francesco Greco, da Marina Castelli e Pio G. Sangiovanni, ha sottolineato con estrema puntualità gli elementi di criticità presenti nel testo degli otto decreti, e le stridenti contraddizioni con il testo della legge che potranno essere sanabili soltanto con un ulteriore intervento legislativo specifico.

20/12/2016

La pubblica amministrazione social e il nuovo ruolo del comunicatore pubblico


FIRENZE 
- Una Pubblica Amministrazione Social. È questa, fra le altre, la grande sfida lanciata dal precedente governo e che avrà il suo naturale continuatore in quello insediatosi all'indomani della sconfitta referendaria che aveva avuto come inevitabile conseguenza le dimissioni di Matteo Renzi e il rapido passaggio di consegne a Paolo Gentiloni, già titolare del dicastero degli Esteri. Una grande scommessa che era stata assunta in coerenza con l'impulso riformatore, di semplificazione e di innovazione tecnologica, già in atto non solo a livello nazionale ma a tutte le latitudini del pianeta, in quello che è ormai da diversi anni designato come il "villaggio globale", nel quale le informazioni viaggiano in tempo reale e a volte caotico, nascondendo non poche insidie e trappole per un'utenza che, parafrasando un celebre verso dell'Adelchi manzoniano, appare come "un volgo disperso che nome non ha".

02/12/2016

Il voto referendario e la difficile scelta di tanti cittadini fuori dagli schemi

REFERENDUM - Ormai ci siamo! Oggi chiusura della campagna elettorale-referendaria con gli appelli e i contrappelli di protagonisti e figuranti non proprio equamente distribuiti fra Si e No, mentre gli italiani all'estero hanno già depositato la loro volontà nelle urne dei consolati. Un confronto dai toni molto aspri, senza esclusione di colpi, anche se spesso si è avuta la netta sensazione che si sia privilegiata la polemica fine a se stessa invece della critica puntuale nel merito del quesito e dei contenuti della riforma, sulla quale sono chiamati ad esprimersi gli italiani.

20/11/2016

Gherardo Colombo. “La conoscenza punto di partenza per essere liberi, per praticare la giustizia”

EVENTI - "Che cos'è la giustizia?" è il titolo della IV edizione dell'evento annuale promosso da Sulleregole, l'associazione di promozione sociale fondata da Gherardo Colombo nel 2010 con l'obiettivo di stimolare, in particolare tra le nuove generazioni, la riflessione sul senso della giustizia e sul rispetto della legalità sanciti dalla Costituzione.

12/11/2016

Corte Costituzionale: il figlio potrà avere cognome materno

La Corte Costituzionale ha stabilito che, se i genitori lo vogliono, il figlio potrà avere il cognome materno. 
Dopo secoli in cui le origini materne in nome del pater familias sono state ignorate, cancellate, perse, inesistenti nei registri delle parrocchie, nelle anagrafi, adesso cambia tutto. Sempre se tutti e due i genitori lo vogliono.
Nel caso di specie, i giudici della Consulta hanno esaminato la questione di legittimità sollevata dalla Corte d'appello di Genova nell'ambito di una causa nella quale l'ufficiale di stato civile aveva negato ad una coppia la possibilità di dare al figlio il cognome della madre.

19/07/2016

Sanità pubblica. Incontro delle associazioni in preparazione dell'appuntamento romano

SANITA' PUBBLICA - Si è tenuta lo scorso 15 luglio ad Agropoli (SA), una delle riunioni dei comitati e associazioni a difesa della sanità pubblica e la conferenza stampa, che anticipa l'importante evento nazionale del 22 luglio a Roma. L'incontro con la stampa, indicato dal circuito nazionale dei comitati in difesa della sanità pubblica, che si è svolto alle ore 18 presso la sala polifunzionale Giovanni Paolo II di Agropoli, ha visto la partecipazione di diversi comitati civici e associazione ed è servito a fare il punto della situazione organizzativa dell'evento che si terrà a Roma presso la sala Verdi dell'hotel Quirinale, al n° 7 di via Nazionale.

Altri in questa sezione