Accedi oppure Registrati
Prima pagina Notizie Articoli Foto Dizionario dialettale Abystron teche Sostienici

dove
Direttore: Pio G. Sangiovanni Credits | Privacy
06:20
Domenica
25/10/2020
Traduci English Français Español Deutsch Portuguese
Sei in /Italia/2009/Politica

POLITICA


01/01/2010

Serenità e speranza guardando all'Italia che ha dimostrato di saper reagire alle difficoltà

IL TESTO INTEGRALE del Messaggio di fine anno del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano

ROMA, 31 dicembre 2009
«Buona sera a voi che siete in ascolto.
Nel rivolgervi, mentre sta per concludersi il 2009, il più cordiale e affettuoso augurio, vorrei provarmi a condividere con voi qualche riflessione sul difficile periodo che abbiamo vissuto e su quel che ci attende.
Un anno fa, molto forte era la nostra preoccupazione per la crisi finanziaria ed economica da cui tutto il mondo era stato investito. La questione non riguardava solo l'Italia, ma avevamo motivi particolari di inquietudine per il nostro paese.

19/08/2009

150 anni dall'Unità d'Italia. Giorgio Napolitano: "Ora dal governo aspetto risposte sull'Unità d'Italia"

Roma, 19/08/2009. Colloquio del Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, con La Stampa di Torino.

E' stato pubblicato da "La Stampa" con il titolo "Ora dal governo aspetto risposte sull'Unità d'Italia" un colloquio con il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, firmato da Federico Geremicca:

Di certo avrebbe preferito trascorrere le sue brevissime vacanze leggendo altro - almeno sui quotidiani - piuttosto che lo stillicidio di polemiche distillate dall'estate leghista. I dialetti nelle scuole, i test agli insegnanti, le bandiere regionali affianco al tricolore, la zuffa intorno all'inno di Mameli... Nulla, insomma, che possa aver fatto particolarmente piacere a Giorgio Napolitano, nella sua doppia veste di simbolo e garante dell'unità nazionale e di meridionale e meridionalista convinto. Chi gli sta vicino o fa la spola tra i «palazzi» e la tenuta presidenziale di ...

06/07/2009

I vescovi: "Libertinaggio non è affare privato"

Il segretario della Cei alla commemorazione di santa Maria Goretti "Comportamenti gai e irresponsabili, gravi soprattutto quando coinvolgono minori". I vescovi: "Libertinaggio non è affare privato"

(Repubblica.it)

LATINA - Lo sfoggio di un "libertinaggio gaio e irresponsabile" a cui oggi si assiste, non deve far pensare che "non ci sia gravità di comportamenti o che si tratti di affari privati, soprattutto quando sono implicati minori": lo ha detto il segretario generale della Conferenza episcopale italiana, monsignor Mariano Crociata, in una omelia pronunciata a Le Ferriere di Latina in occasione di una celebrazione in memoria di Santa Maria Goretti.

16/06/2009

Parlamento, la classifica dei fannulloni. I più inefficienti sui banchi di destra

IL CASO - "Cittadinanzattiva" studia il lavoro degli onorevoli Alle Camere radicali e Italia dei valori sono i più stakanovisti Parlamento, la classifica dei fannulloni. "I più inefficienti sono sui banchi della destra". Donne più operose degli uomini: Napoli maglia rosa alla Camera e Poretti al Senato (Repubblica.it - CARMELO LOPAPA)

ROMA - Pochi stakanovisti e un esercito di "fannulloni", direbbe Brunetta. Che stanno soprattutto a destra. Per non dire che con le pagelle scolastiche reintrodotte dalla Gelmini (da 0 a 10), solo il 2,6% dei parlamentari (16 deputati e 8 senatori per la precisione) sarebbero promossi al secondo anno di legislatura.

14/06/2009

Manca solo che mi dicano che sono gay

"Mi hanno detto di tutto, manca solo che mi dicano che sono gay...". E solo l'ultima delle biasimevoli affermazioni rilasciate da Silvio Berlusconi durante una cena a Portofino. E' utile dare spazio a questa ennesima fuoriuscita del Presidente del consiglio ritenendo che sia fondamentale prendere le distanze e condannare certi atteggiamenti che richiamano senza sottintesi ad atteggiamenti omofobi e discriminanti verso minoranze o diversità. "Il mondo è bello perchè è vario" diceva qualcuno... (di D. Amendola)

11/06/2009

L'Italia ricorda Enrico Berlinguer: avremo ancora bisogno di lui

Enrico BerlinguerNoi siamo convinti che il mondo, anche questo terribile, intricato mondo di oggi può essere conosciuto, interpretato, trasformato, e messo al servizio dell'uomo, del suo benessere, della sua felicità. La lotta per questo obiettivo è una prova che può riempire degnamente una vita.
Enrico Berlinguer

ANNIVERSARI - L'11 giugno del 1984, Enrico Berlinguer muore, a sessantadue anni, mentre è nel pieno delle sue forze e della sua popolarità. I suoi funerali, a piazza S. Giovanni, a Roma, sono un immenso corteo commosso, fatto di fedelissimi, di alleati, ma anche di avversari politici e di gente comune, che in lui ha avuto modo di apprezzare il rigore morale e la passione per il suo lavoro.
A 25 anni dalla sua morte vogliamo riproporre Enrico Berlinguer, l'uomo e il politico, in una intervista di Giovanni Minoli del 1983.

Guarda il video dell'intervista

02/06/2009

Napolitano: Più coesione sociale nel libero e civile confronto tra le diverse opinioni

MESSAGGIO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA GIORGIO NAPOLITANO IN OCCASIONE DELLA FESTA NAZIONALE DELLA REPUBBLICA

Un cordiale augurio a tutti gli italiani per la Festa della Repubblica. Un saluto particolare, affettuoso e solidale, alle tante famiglie de L’Aquila e dell’Abruzzo che vivono questa giornata fuori delle loro case distrutte o colpite, tra gravi disagi e difficoltà, anche se assistite e sostenute con ogni premura; che vivono questa giornata nel ricordo di perdite dolorose e incolmabili.
L’augurio è che possano veder presto avviata l’opera di ricostruzione, rinata la città de L’Aquila, gettate le basi di un futuro migliore.