Accedi oppure Registrati
Prima pagina Notizie Articoli Foto Dizionario dialettale Abystron teche Sostienici

dove
Direttore: Pio G. Sangiovanni Credits | Privacy
02:25
Mercoledì
11/12/2019
Traduci English Français Español Deutsch Portuguese
Sei in /Italia/2013/Tiriticcate/La parabola del grillismo

La parabola del grillismo

di Maurizio Tiriticco

 Roma, 30 maggio 2013 - Caro Grillo! Il tuo competitor degli anni Quaranta, Guglielmo Giannini, è durato di più e tu non hai imparato nulla dal tuo maestro! Quando si soffia sulle vele di una nave in difficoltà, bisogna sapere in quale direzione orientarla, altrimenti! Il rischio è di farla traghettare da una tempesta a un'altra! Ed è quello che corse Giannini, dopo un paio d'anni di successi... e quello che stai correndo tu, dopo un paio di mesi di... insuccessi! E di parolacce e scontrini! Giannini era un signore in confronto! Dal qualunquismo al grillismo... un nichilismo a buon mercato... quello di Turgheniev era una cosa seria!

Altro che quel Ballarò evocato! La tua linguacciuta capogruppo alla Camera e il tuo insulso capogruppo al Senato! Non ci schieriamo con nessuno! Questa era ed è la parola d'ordine! E appoggeremo tutte le leggi che altri proporranno! E voi che proponete? Che avete proposto? Avete letto la Costituzione... ma non la conoscevate già?... nella occupazione notturna della Camera... ma alle 21 tutti a casa... la fame è la fame, e poi! Avete mandato tutti affanculo (che poi non si scrive così!), come siete soliti dire - mai sentito un discorso sensato... ma alla fine affanculo ci siete andati anche voi! Anzi, solo voi! Perché gli altri politici, anche se spediti in quel posto, hanno tutti la loro bella poltrona!

Cari miei! Senza proposte, senza bussole, solo con la conta degli scontrini... questi li consegno, questi me li tengo, questi li straccio... ma non avete capito che chi vi ha dato il voto voleva ed esigeva una svolta? Li avete presi per il... tutto qui!!! (lo sapete che qui si scrive senza accento? Come qua e come su?) Avevate capito o no che tanti elettori di sinistra avevano votato per voi per dare un bello spintone a Bersani e al PD? Il "tutti a casa" è uno slogan, non può essere una realtà! Se avete partecipato al voto, in quella casa volevate andarci anche voi! E pure con l'apriscatole? Ma quella casa, il Parlamento, era ed è già aperta, almeno dal 1946: le prime elezioni politiche dopo la guerra!!! La seconda guerra mondiale! Sapete che ce ne sono state due? E volevate cacciare gli altri? I nuovi Robin Hood: togliere ai ricchi per dare ai poveri! Cari miei! La politica non si fa con gli slogan! Le campagne elettorali, invece, sì! Purtroppo!

Il vostro discorso politico - o meglio, il vostro discorso - era ed è di una debolezza estrema! E i vostri eletti? Mah! Sanno leggere e scrivere? Non alludo alla lingua strumentale - forse tra una parolaccia e l'altra capiscono e si fanno capire - ma a quella politica, che è un'altra cosa! Sapere come funziona uno Stato, come funzionano gli organismi rappresentativi, le istituzioni, che differenza c'è tra un disegno di legge e un progetto di legge! Tra un dm e un dpr! Mah! E che differenza c'è tra il Consiglio europeo e il Consiglio d'Europa... Elementary, my dear Watson! E' certo che, se il vostro background ideologico e politico è ispirato a "Gaia, il futuro della politica", del vostro vate Casaleggio, ho seri dubbi su di un vostro ravvedimento! Comunque, bisogna sempre avere fiducia nell'uomo... e nella sua intelligenza!

Quello che tutti noi rimproveriamo ai nostri politici è quello di una estrema debolezza conoscitiva, e propositiva quindi, di quelle che sono, oggi, le dinamiche in atto nel campo dell'economia e della amministrazione, a livello mondiale soprattutto! La situazione oggettiva è oggi di una tale complessità che non solo non basta una parolaccia per risolverla, ma neanche una specializzazione in alta economia! Tra i mille o poco meno o poco più dei nostri parlamentari chi capisce qualcosa veramente si conta sulla punta delle dita! Le Iene sono tremende!!! Gli altri scaldano le poltrone! E si scaldano quando votano! Questo è vero, ma voi? Vi siete aggiunti a scaldarle anche voi?!?! Con gli insulti di Grillo e quelli che vi scambiate tra di voi, non solo non si va da nessuna parte, ma si rischia di mandare a fondo definitivamente una barca già in grande difficoltà!

L'unica cosa che potete fare oggi - e che potevate fare anche ieri in quella diretta streaming... che figura che avete fatta... - è quella di dare una mano a un governo che nessuno ama - e questo è vero, perché ciascuno vorrebbe il "suo" governo - ma che è l'unico che ci possiamo consentire, oggi... anche per un domani che sia il più lungo possibile! Che almeno dimostra buona volontà! E sa ascoltare...

E allora, piantatela di fare i grillini senza più né un padre né un futuro! Cercate di capire qualcosa su come si adotta un provvedimento e se serve a raddrizzare una barca in difficoltà! Non preoccupatevi degli scontrini più di tanto! Se la barca deve affondare, non affonderà davvero se avete fregato un caffè allo Stato! Bevetevi pure un buon caffè a spese nostre, però dopo aver votato un provvedimento utile a raddrizzare la rotta!
Ve lo dice un vecchio lupo della nostra politica... potrei essere il vostro grillo... parlante! Avete letto Pinocchio?

 

30/05/2013
Bookmark and Share
Ascolta con webReader

 


1 commenti.

Per visualizzare lo spazio commenti è necessario accedere al sito.

Accedi
Nome utente
Password
 
 
Registrati | Recupera dati