Accedi oppure Registrati
Prima pagina Notizie Articoli Foto Dizionario dialettale Abystron teche Sostienici

dove

Direttore: Pio Giovanni Sangiovanni Credits | Privacy
 
01:00
Martedì
23/04/2024
Traduci English Français Español Deutsch Portuguese
Sei in /Orsomarso/2007/Politica/Ordinanza e revoca/Il documento dell'Assessore Antonio Papa

Ecco il testo della lettera di Antonio Papa

Ecco il testo della lettera firmata resa pubblica dall’Assessore all’ambiente e territorio del Comune di Orsomarso Antonio Papa.

Un amministratore comunale deve assolvere il proprio compito avendo un comportamento corretto e il senso della misura. Deve adoperarsi per il bene della collettività, nel rispetto delle leggi, dei regolamenti e delle persone.
L’ultimo episodio verificatosi, anche se marginale dal punto di vista della consistenza dell’intervento, non va certamente in questa direzione. Mi riferisco alla mancata sistemazione della passerella sul fiume Argentino in località Piano dei Morti, dovuta ad approssimazione ed arroganza da parte di qualcuno che oggi, per coprire le sue malefatte, cerca di far ricadere la colpa del mancato intervento sulla mia persona.
Niente di più falso. Ho sempre condiviso e approvato tutte le iniziative e le proposte che vanno in direzione dell’interesse della collettività, cosa che farò anche in questa circostanza non appena la cosa sarà portata, come doveroso, all’approvazione della Giunta, nella chiarezza e senza sotterfugi di nessun genere. Anzi sollecito il Sindaco che, come capo dell’Amministrazione è responsabile di tutto ciò che accade, a farlo al più presto possibile.
Intervenire con un’ordinanza sindacale contigibile e urgente (cosa possibile in caso di calamità naturali o particolari ed imprevisti eventi) per un lavoro di manutenzione come quello in questione, che dovrebbe essere normalmente programmato, è un atto illegale. Se poi il Sindaco, come da egli stesso affermato, non conosceva l’esistenza dell’ordinanza, la cosa è di una gravità inaudita, perché significa che qualcuno a sua insaputa ha redatto l’ordinanza e firmato al suo posto. Credo che il sindaco, a questo punto, a difesa della sua persona e delle istituzioni, dovrebbe sentire il bisogno e il dovere di fare chiarezza su questo increscioso episodio (la revoca dell’ordinanza è poca cosa), in caso contrario significa che sapeva e dice di non sapere e, se così fosse, per cert aspetti la cosa è ancora più grave.
Tuttavia, anche se a qualcuno la cosa può dare fastidio, continuerò per quanto le mie possibilità consentono ad occuparmi del rispetto delle norme, così come continuerò a portare avanti con tenacia e perseveranza i tanti progetti per il nostro territorio, alcuni dei quali già andati in porto, voglio dirlo a costo di sembrare presuntuoso, grazie alla mia caparbietà e sacrifici affrontati. A tempo opportuno farò conoscere i frutti del mio operato.
Mi auguro che altri possano fare altrettanto e che il frutto del loro operato non sia solo l’emissione di qualche falsa ordinanza o la preoccupazione del proprio orticello.

Assessore comunale Antonio Papa – 10 agosto ’07
Ascolta con webReader

 


0 commenti.

Per visualizzare lo spazio commenti è necessario accedere al sito.

Accedi
Nome utente
Password
 
 
Registrati | Recupera dati