Accedi oppure Registrati
Prima pagina Notizie Articoli Foto Dizionario dialettale Abystron teche Sostienici

dove
Direttore: Pio G. Sangiovanni Credits | Privacy
05:36
Sabato
29/04/2017
Traduci English Français Español Deutsch Portuguese
Sei in /Orsomarso/2016/Eventi estivi

Alla Tenuta Valle Menta si è discusso dell'umanità minacciata da guerre, terrore e menzogne.

ORSOMARSO - "Guerre, terrore, menzogne. L'umanità è minacciata, c'è ancora speranza?" Questo tema particolarmente impegnativo e attuale è stato al centro di un intenso incontro-dibattito svoltosi nel tardo pomeriggio di venerdì 5 agosto scorso che ha avuto come cornice la corte della Tenuta Valle Menta, nel cangiante scenario rurale del territorio di Orsomarso. Si è trattato di un evento che ha voluto rilanciare, confermandola, la scelta dei proprietri della Tenuta di proporre agli ospiti della struttura accanto ai vari momenti di riposo e di svago, anche occasioni di riflessione, confronto e dibattito socio-culturale su problematiche di interesse generale o legate all'attualità delle cronache nazionali ed internazionali.

Due i relatori con il compito di provocare coloro che hanno accolto l'invito degli organizzatori: Renato Scarola, giornalista de "La Comune umanista socialista", periodico quindicennale completamente autofinanziato e docente impegnato nella scuola internazionale della Casa al Dono di Vallombrosa in provincia di Firenze; il secondo intervento è stato svolto da Pio G. Sangiovanni, docente e giornalista pubblicista responsabile del sito www.abystron.org , blog di informazione, approfondimento e cultura. L'incontro è iniziato con la presentazione di un video curato dal sodalizio fiorentino, che pone al centro la denuncia del gravissimo pericolo Isis (accostato senza mezzi termini alla follia del nazismo) e soprattutto l'eroica lotta armata del popolo Kurdo e delle sue donne, protagoniste della vittoriosa battaglia contro le milizie del califfato al quale hanno strappato metro per metro città e territori precedentemente occupati e fatti oggetto di atrocità inenarrabili.

Gli interventi che ne sono seguiti, hanno posto in evidenza gli scenari internazionali e le logiche legate ad interessi economici di potenti gruppi multinazionali che spesso ragionano in termini lontani anni luce dai problemi del mondo che sono alla base dei drammi epocali di guerre, violenze, sfruttamento e depredazione delle risorse. Nella lente di ingrandimento sono finiti anche i mezzi di informazione che spesso si dimostrano completamente incapaci di fornire un servizio autenticamente obiettivo e libero da qualsiasi forma di condizionamento di poteri forti, ovunque e comunque rappresentati.

Ma il messaggio finale emerso dalla vivace discussione sviluppatasi, ha ripreso e rilanciato il motivo di fondo legato alla speranza, intesa tuttavia non come retorico e vuoto richiamo ad astratti principi, ma come impegno quotidiano in nome di un nuovo umanesimo fondato su un autentico protagonismo di donne e uomini che rivendicano e riconquistano il loro diritto ad esserci, ad interessarsi, senza delegare subendo passivamente, prendendo in mano coraggiosamente la propria vita ed il proprio destino.

06/08/2016
Bookmark and Share
Ascolta con webReader

 


0 commenti.

Per visualizzare lo spazio commenti è necessario accedere al sito.

Accedi
Nome utente
Password
 
 
Registrati | Recupera dati

Allegati

Thumbnail image for /public/upload/2016/8/636061070125659981_IMG-20160805-WA0003.jpg
Un momento dell'incontro
Un momento dell'incontro
Thumbnail image for /public/upload/2016/8/636061071270594680_Immagine evento vallementa.jpg
La locandina dell'evento
La locandina dell'evento