Accedi oppure Registrati
Prima pagina Notizie Articoli Foto Dizionario dialettale Abystron teche Sostienici

dove
Direttore: Pio G. Sangiovanni Credits | Privacy
11:00
Mercoledì
02/12/2020
Traduci English Français Español Deutsch Portuguese
Sei in /Calabria/Anno 2013/Alto Tirreno/Danni da mareggiate

Danni da mareggiate. A Tortora Marina è di nuovo emergenza

Danni al tratto nord del Lungomare Sirimarco di Totora. Pagano chiede spiegazioni al sindaco Lamboglia

TORTORA - Come ogni anno, ormai dagli ultimi decenni del secolo scorso, puntualmente con l'arrivo del cattivo tempo, le furie del mar Tirreno aggrediscono e danneggiano abitazioni e lungomari che, probabilmente con non poca imprevidenza, sono state costruite a ridosso della battigia. E così, con una precisione quasi cronometrica, ecco le proteste dei cittadini proprietari e l'allarme degli amministratori che chiedono alle autorità superiori l'adozione di provvedimenti idonei a contenere i marosi. Di soldi se ne sono già spesi e se ne spenderanno a fiumi, con ingegnose e costose barriere paramassi, soffolte, improbabili ripascimenti delle spiagge ed altro ancora, senza tuttavia aver risolto alcunché. Tutti interventi che producono l'effetto opposto, ingenerando reazioni a catena dei meccanismi delle correnti che raddoppiano gli effetti devastanti delle mareggiate. Il fatto è che, come tutti sanno, la cementificazione scellerata delle nostre coste ha portato a costruire in spazi che la natura aveva destinato al normale sfogo del mare, ed ecco i risultati.

Fra le decine di esempi che si potrebbero citare, capita a proposito la dichiarazione preoccupata ed allarmata di Giovanni Pagano, capogruppo consiliare del Movimento Culturale-Politico "Nuovamente Tortora" che, facendo riferimento ai danni provocati dalle ultime mareggiate al tratto di strada che costeggia il versante nord del Lungomare Sirimarco di Tortora, ha chiesto spiegazioni al sindaco della cittadina alto tirrenica Pasquale Lamboglia.

«Chiedo al sindaco di Tortora, Pasquale Lamboglia, di accertare se ci sono responsabilità della ditta o dei direttori dei lavori. Lo vogliono anche i cittadini, stanchi di vedere i propri soldi buttati a mare. Purtroppo - ha continuato Pagano - abbiamo notato che l'opera non è riuscita a reggere alle prime mareggiate. Una constatazione che ci dispiace fare visto che in Consiglio comunale avevamo dato il nostro assenso alla realizzazione dell'opera».

 

20/11/2013
Bookmark and Share
Ascolta con webReader

 


0 commenti.

Per visualizzare lo spazio commenti è necessario accedere al sito.

Accedi
Nome utente
Password
 
 
Registrati | Recupera dati