Accedi oppure Registrati
Prima pagina Notizie Articoli Foto Dizionario dialettale Abystron teche Sostienici

dove
Direttore: Pio G. Sangiovanni Credits | Privacy
07:44
Giovedì
26/11/2020
Traduci English Français Español Deutsch Portuguese

Passiamo all'altra riva !

Liturgicamente siamo ritornati al tempo ordinario e domenica prossima sarà la 12^ domenica dell'anno, sempre secondo l'anno B, del ciclo triennale che distribuisce le letture bibliche in tre anni. Per la verità, a partire dalla 14^, le domeniche dell'anno B del precedente ciclo sono tutte presenti nella pagina del sito www.puntopace.net/PRECEDENTI/precedenti.htm e in un primo momento pensavo di non comporne altre, ma di rimandare a queste, che hanno le stesse letture e gli stessi temi.
Ma... c'è sempre un ma..., ormai compilare la locandina settimanale è diventato per me come un appuntamento spirituale con la Parola di Dio e con voi tutti, tanto che non me la sento proprio di sospendere l'iniziativa. Non so cosa voi ne pensiate, ma in ogni caso potrete consultare le domeniche di tutti e tre gli anni, rispettando l'anno del ciclo. Sicché, ad esempio, le domeniche di quest'anno coincidono con quelle del 2003 (anno B) e sono le ultime in fondo alla lunga pagina che le riporta. L'anno venturo le letture saranno dell'anno C (2004) e fra due anni saranno quelle dell'anno A (2005). Poi tutto riprenderà da capo.
Chi di voi si fosse stancato di quest'invio, e pensa che basti - se proprio vuole - consultare le precedenti, me lo faccia sapere. Non mi offenderò se mi chiedete di non mandarvi oltre i miei scarabocchi e riflessioni, che forse per qualcuno sono un assillo che dura da oltre tre anni... Da parte mia cercherò di cogliere aspetti nuovi che non avevo colto prima, anche se si sa, nessuno riesce a non ripetersi del tutto. Con ciò un grande abbraccio, mentre invito ad andare a votare al referendum per la costituzione e questa volta, forte dell'appello anche di "Mosaico di Pace" di Pax Christi e di tutte le riviste di ispirazione cattolica, di cui riporto di nuovo l'appello, vi invito a votare NO alla pessima riforma fatta dal precedente governo, una riforma pasticciata e di parte. La vittoria del NO non impedirà di modificare, senza stravolgerla, nei punti non più attuali,una costituzione che, per la sua sapienza ed equilibrio, il mondo ci invidia. Un abbraccio a tutti, dGM

LA LOCANDINA - «Passiamo all'altra riva!». Queste parole di Gesù sembrano poter riassumere il tema della 12^ domenica dell’anno B. Rassicurati dalla sua parola, dobbiamo anche noi, come fecero gli Ebrei davanti al Mar Rosso, passare dalla riva abituale della nostra tranquilla ma anche mediocre quotidianità alla riva della libertà e dell’avventura della fede. È vero, la traversata non è per niente facile. Richiede coraggio e audacia, anche perché nel momento dell’attraversamento siamo come sospesi in una situazione che non è ancora quella della terra promessa e non ci lascia più tornare indietro. La tempesta si scatena proprio mentre siamo nel momento più critico. Le forze della natura diventano estremamente minacciose, tanto da farci temere il definitivo naufragio… Un grido può salvarci ed effettivamente ci salva: quello rivolto a Colui, che è padrone delle forze della natura, alle quali ha posto dei limiti invalicabili (prima lettura). Innalziamo allora quest’invocazione, come i discepoli sulla barca, e la tempesta si placherà e con esse si placheranno le nostre paure. L’altra riva è vicina.

12^ Domenica dell’anno (B) 2006
Piccola, povera barca la nostra
in balia di onde gigantesche
che rischiano di sommergerci
e più grandi ancora di loro
si sono scatenate le nostre paure più profonde.
Siamo venuti fin qua, per passare all’altra sponda
ma ora che essa appare lontana,
come quella di partenza,
sembra non abbiamo più scampo,
e lottiamo con la nostra immensa solitudine,
mentre tu, come un assente, sembri dormire
incurante d’ogni cosa.
Allora svegliati, Signore,
e vieni in nostro soccorso! Vedi?
Non siamo sì sicuri come forse ci credevi,
aiutaci e placa queste onde! Amen!
(GM/25/06/06)

Libro di Giobbe (38,1.8-11) - "Allora il SIGNORE rispose a Giobbe dal seno della tempesta, e disse: Chi chiuse con porte il mare balzante fuori dal grembo materno, quando gli diedi le nubi come rivestimento e per fasce l'oscurità, quando gli tracciai dei confini, gli misi sbarre e porte? Allora gli dissi: "Fin qui tu verrai, e non oltre; qui si fermerà l'orgoglio dei tuoi flutti".
Vangelo di Marco (4,35-41) - "In quello stesso giorno, alla sera, Gesù disse loro: «Passiamo all'altra riva». I discepoli, congedata la folla, lo presero, così com'era, nella barca. C'erano delle altre barche con lui. Ed ecco levarsi una gran bufera di vento che gettava le onde nella barca, tanto che questa già si riempiva. Egli stava dormendo sul guanciale a poppa. I discepoli lo svegliarono e gli dissero: «Maestro, non t'importa che noi moriamo?» Egli, svegliatosi, sgridò il vento e disse al mare: «Taci, càlmati!» Il vento cessò e si fece gran bonaccia. Egli disse loro: «Perché siete così paurosi? Non avete ancora fede?» Ed essi furono presi da gran timore e si dicevano gli uni gli altri: «Chi è dunque costui, al quale persino il vento e il mare ubbidiscono?».
23/06/2006
Bookmark and Share
Ascolta con webReader

 


1 commenti.

Per visualizzare lo spazio commenti è necessario accedere al sito.

Accedi
Nome utente
Password
 
 
Registrati | Recupera dati