Accedi oppure Registrati
Prima pagina Notizie Articoli Foto Dizionario dialettale Abystron teche Sostienici

dove
Direttore: Pio G. Sangiovanni Credits | Privacy
21:31
Sabato
28/03/2020
Traduci English Français Español Deutsch Portuguese
Sei in /Italia/2010/Bocciata dall OCSE

SCUOLA: OCSE BOCCIA L'ITALIA, INVESTE POCO E MALE

Solo la Repubblica Slovacca dietro di noi. Gli insegnanti sono pagati meno della media, soprattutto ai livelli più alti di anzianità di servizio. Studenti inchiodati sui banchi di scuola per ore e ore ma con poco o scarso rendimento

(AGI) - Roma, 7 set. - L'Italia investe poco e male nell'istruzione: una spesa pubblica tra le piu' basse tra i paesi industrializzati, insegnanti tra i peggio pagati e un rendimento scarso rispetto alle eccessive ore passate sui banchi dagli studenti.
La fotografia impietosa, ma attesa, arriva dall'Ocse che nel suo ultimo rapporto sull'Istruzione presentato a Parigi non manca dal registrare che il Paese e' comunque risalito nella classifica soprattutto per quanto riguarda i giovani laureati, in rapidissima ascesa del 5% l'anno rispetto a dieci anni fa.

Un 'balzo' legato all'arrivo delle lauree brevi che ha portato a un 20% di laureati nel 2008, ma solo tra i 24 e i 34 anni. La percentuale di scolarizzazione terziaria si dimezza per la fascia tra i 45 e i 54 (12%) e si abbatte al 10% per quelli tra i 55 e 64 anni. Nel complesso la media dell'istruzione terziaria nel Paese resta minimale rispetto a quella dei cosiddetti paesi piu' 'ricchi': solo il 2,4% di tutta la popolazione contro il 33,5% degli Usa, il 14,7% del Giappone, il 5,8% della Germania.

Ma il vero punto dolente che fa la differenza tra l'Italia e gli altri paesi sembra essere quello della spesa per l'istruzione: il 4,5% del Pil contro una media del 5,7% dei paesi piu' industrializzati. Solo la Repubblica slovacca spende meno. Nel suo complesso, compresi i sussidi agli studenti e i prestiti alle famiglie, la spesa sale al 9% ma sempre al di sotto della media Ocse del 13,3%. Inoltre la spesa corrente e' assorbita soprattutto dai salari agli insegnanti per l'80% contro il 70% medio dell'organizzazione. La spesa dell'Italia - sottoinea l'Ocse - resta focalizzata sulla scuola d'obbligo per cui vengono investiti ogni anno circa 7950 dollari contro ma media non lonana dell'Ocse di 8200. Al contrario per le universita' e le attivita' di ricerca la spesa e' di soli 8600 dollari contro i 13mila dell'intera area.

Pochi soldi soprattutto agli insegnati che restano tra i peggio pgati di tutta l'area: un maestr di scuola elementare inizia con 26mila dollari la sua carriera per arrivare al top dlel acrriera a 38mila contro una mdia Ocse di 51mila dollari. Per quanto rigurda il professore di leceo a finecriera arria a 44mila dollari contro i 55 mila dei suoi colleghi di altri Paesi.
Insegnanti mal pagati ma anche studenti mal istruiti nonostante il numero spropositato di ore passato sui banchi: 8000 ore di scuola contro una media Ocse di 6777. Solo Israele ha un numero di ore superiore al nostro. Gli alunni tra i 7 e gli 8 anni passano ogni anno 990 ore a scuola contro una media Ocse di 777. Tra i 9 e gli 11 le ore salgono a 1023 contro 882 per poi salire sopra i 12 anni a 1089 (la media Ocse e' di circa 959 ore). Il tutto tenendo conto che il rendimento degli alunni italiani non e' tra i piu' elevati con scarsi risultati in materie come matematica, scienze e nella comprensione dei testi. In paesi come la Norvegia e la Finlandia , considerati da sempre punti di riferimento per l'educazione, le ore passate sui banchi sono sotto le 6000.

"Il miglioramento dei sistemi educativi nell'area Ocse sara' un'impegno e una sfida formidabile" per i governi e la loro politica pubblica, ha affermato il segretario generale dell'organizzazione parigina, Angel Gurria che ha sottolineato come proprio l'educazione puo' essere una ricetta anti-crisi per i Paesi. "Con la crisi economica molti paesi Ocse fronteggiano la doppia sfida di mantenere finanze pubbliche sostenibili sostenendo allo stesso tempo la crescita economica" ha detto Gurria "l'istruzione rappresenta un grosso capitolo della spesa pubblica" e anche "un investimento essenziale per sviluppare il potenziale di crescita a lungo termine dei Paesi e rispondere ai cambiamenti tecnologici e demografici che stanno rimodellando i mercati del lavoro". Investimenti, ha detto Gurria, che vengono ripagati in termini di entrate fiscali: "Un uomo con un livello di educazione terziario genera ulteriori 119.000 dollari di entrate fiscali e contributi nella sua vita lavorativa rispetto a uno che ha conseguito solo un livello di istruzione secondaria".

Piu' reddito e piu' occupazione naturalmente: Gurria ha sottolineato che i tassi di senza lavoro nei paesi con una piu' estesa educazione terziaria sono intorno al 4% contro quelli del 9% circa di paesi maggiormente a cultura secondaria. Una notazione negativa dell'Ocse arriva anche sulla struttura del mercato del lavoro italiano che ancora conserva uno dei piu' elevati 'gender gap' nei salari: per un lavoro a tempo pieno una donna in Italia ancora percepisce in alcuni casi una retribuzione che arriva a essere fino al 54% delle retribuzione maschile contro il 72% dell'Ocse.

07/09/2010
Bookmark and Share
Ascolta con webReader

 


2 commenti.

Per visualizzare lo spazio commenti è necessario accedere al sito.

Accedi
Nome utente
Password
 
 
Registrati | Recupera dati

Allegati

In questa sezione