Accedi oppure Registrati
Prima pagina Notizie Articoli Foto Dizionario dialettale Abystron teche Sostienici

dove
Direttore: Pio G. Sangiovanni Credits | Privacy
16:53
Lunedì
26/10/2020
Traduci English Français Español Deutsch Portuguese
Sei in /Rubriche/La Locandina/La locandina 2006/4^ Domenica di Pasqua

Il luogo più bello che possiamo desiderare

LA LOCANDINA - La 4^ domenica di Pasqua è quella del Buon Pastore o, come dice propriamente il testo, del “pastore bello” (o poimèn o kalòs). Bello in un senso globale: perché egli possiede la pienezza della vita e perché ci conduce in quel luogo del senso e della gioia, che da sempre abbiamo desiderato, il luogo più bello che possiamo desiderare. Ciò va al di là del non- senso e della morte. La valle oscura da attraversare è infatti quella della morte. Ma restando accanto al “bel pastore” anche la morte perderà la sua sconcertante bruttezza e diventerà la valle lussureggiante della vita.

4^ Domenica di PASQUA 2006
Anche quando attraverserò l'ultima valle, quella oscura di
cui parla il salmo,
non temerò alcun male,
sapendo che tu l'hai percorsa
da cima a fondo,
alla ricerca di noi
uomini e donne smarriti.
Sentirò allora prima la tua voce
e poi le tue mani venute a strapparmi
a quell'abisso…
Tu, Pastore buono,
la cui vita niente può ormai distruggere,
perché hai vinto la morte
e dal buio ogni giorno
ci riconduci alla luce. (GM/07/05/06)

Salmo 23,4 - «Quand'anche camminassi nella valle dell'ombra della morte, io non temerei alcun male, perché tu sei con me; il tuo bastone e la tua verga mi danno sicurezza».

Vangelo di Giovanni (10,11-18) - "[Disse Gesù:] «Io sono il buon pastore. Il buon pastore offre la vita per le pecore. Il mercenario invece, che non è pastore e al quale le pecore non appartengono, vede venire il lupo, abbandona le pecore e fugge e il lupo le rapisce e le disperde; egli è un mercenario e non gli importa delle pecore. Io sono il buon pastore, conosco le mie pecore e le mie pecore conoscono me, come il Padre conosce me e io conosco il Padre; e offro la vita per le pecore. E ho altre pecore che non sono di quest'ovile; anche queste io devo condurre; ascolteranno la mia voce e diventeranno un solo gregge e un solo pastore. Per questo il Padre mi ama: perché io offro la mia vita, per poi riprenderla di nuovo. Nessuno me la toglie, ma la offro da me stesso, poiché ho il potere di offrirla e il potere di riprenderla di nuovo. Questo comando ho ricevuto dal Padre mio».
05/05/2006
Bookmark and Share
Ascolta con webReader

 


0 commenti.

Per visualizzare lo spazio commenti è necessario accedere al sito.

Accedi
Nome utente
Password
 
 
Registrati | Recupera dati