Accedi oppure Registrati
Prima pagina Notizie Articoli Foto Dizionario dialettale Abystron teche Sostienici

dove
Direttore: Pio G. Sangiovanni Credits | Privacy
08:23
Sabato
04/07/2020
Traduci English Français Español Deutsch Portuguese
Sei in /Rubriche/La Locandina/LA LOCANDINA 2014/25^ Domenica dell'anno 2014 (A)

Dio pensa a dimensioni davvero grandi. Si pone sempre dalla parte degli svantaggiati e degli infelici

LA LOCANDINA di don Giovanni Mazzillo - È scritto che i pensieri di Dio divergono totalmente dai nostri. Non perché siano contraddittori oppure assurdi. È vero il contrario. Sono espressione di una logica "superiore". No, non mi riferisco alla Logica Major della Scolastica, ma a quella che pensa all'uomo e alle sue cadute tenendo sempre presenti i suoi bisogni e la sua costitutiva, innata "trascendenza". È proprio questa che non si può sottoporre a una misurazione o ad una valutazione con criteri terrestri e immediati. Il Vangelo di oggi, che narra di operai arrivati all'ultimo momento e che sono pagati con lo stesso compenso di quelli che si erano recati al lavoro fin dal mattino, dimostra che Dio pensa a dimensioni davvero grandi, considerando tutto con quella sua partecipazione alla vicenda umana che si pone sempre dalla parte degli svantaggiati e degli infelici. La generosità di Dio è più che generosità: è non arrendersi mai nemmeno di fronte alle situazioni in cui noi esseri umani, volenti o nolenti, consapevoli o no, ci troviamo a deflettere dalla nostra primitiva grandezza. Insomma anche se noi vi rinunciamo, Dio non vi rinuncia mai e tende sempre a restituirci la nostra grandezza, quella che egli ci ha dato. Sicché per noi ha sempre una possibilità in più, per riportarci a quel livello per il quale ha eternamente pensato a ciascuno di noi.

PREGHIERA
Io non sono, Signore, uno di quelli ai quali piace la piazza
e pertanto non vi trascorro giornate d'attesa
"aspettando Godot" - si diceva - che giammai arriva,
come il lavoro, che qui da noi non arriva mai per nessuno.
Inoltre, per Tuo dono e non certo per meriti,
mi hai chiamato alla Tua vigna fin dall'aurora,
vigna dove davvero c'è lavoro per tutti e a tutte le ore,
ma purtroppo da parte nostra non c'è testa abbastanza,
per saper continuare, anche se c'è tanto cuore,
che però presto ad altro e sempre ad altro si volge.
Ma io non sono comunque, anche questo per Grazia,
uno che Ti farà problemi nel veder preferiti
quelli dell'ultimo ingaggio. Anzi è il contrario.
Se Tu fossi solo "Signore" o peggio "Padrone",
penso che su di Te non scriverei nemmeno una riga,
ma Tu, per fortuna, non spadroneggi,
né resti a guardare dall'alto,
Tu vieni a chiamarci ora per ora,
Non Ti stanchi di chiamarci, ogni istante,
perciò donaci la capacità di avvertirne l'appello
per prontamente seguirti
e soprattutto per saper continuare il lavoro. Amen! (GM/21/09/14)

Profeta Isaia (55,6-9) - «Cercate il Signore, mentre si fa trovare, invocatelo, mentre è vicino. L'empio abbandoni la sua via e l'uomo iniquo i suoi pensieri; ritorni al Signore che avrà misericordia di lui e al nostro Dio che largamente perdona. Perché i miei pensieri non sono i vostri pensieri, le vostre vie non sono le mie vie. Oracolo del Signore. Quanto il cielo sovrasta la terra, tanto le mie vie sovrastano le vostre vie, i miei pensieri sovrastano i vostri pensieri.

Vangelo di Matteo (20,1-16) - In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli questa parabola: «Il regno dei cieli è simile a un padrone di casa che uscì all'alba per prendere a giornata lavoratori per la sua vigna. Si accordò con loro per un denaro al giorno e li mandò nella sua vigna. Uscito poi verso le nove del mattino, ne vide altri che stavano in piazza, disoccupati, e disse loro: "Andate anche voi nella vigna; quello che è giusto ve lo darò". Ed essi andarono. Uscì di nuovo verso mezzogiorno e verso le tre, e fece altrettanto. Uscito ancora verso le cinque, ne vide altri che se ne stavano lì e disse loro: "Perché ve ne state qui tutto il giorno senza far niente?". Gli risposero: "Perché nessuno ci ha presi a giornata". Ed egli disse loro: "Andate anche voi nella vigna". Quando fu sera, il padrone della vigna disse al suo fattore: "Chiama i lavoratori e dai loro la paga, incominciando dagli ultimi fino ai primi". Venuti quelli delle cinque del pomeriggio, ricevettero ciascuno un denaro. Quando arrivarono i primi, pensarono che avrebbero ricevuto di più. Ma anch'essi ricevettero ciascuno un denaro. Nel ritirarlo, però, mormoravano contro il padrone dicendo: "Questi ultimi hanno lavorato un'ora soltanto e li hai trattati come noi, che abbiamo sopportato il peso della giornata e il caldo". Ma il padrone, rispondendo a uno di loro, disse: "Amico, io non ti faccio torto. Non hai forse concordato con me per un denaro? Prendi il tuo e vattene. Ma io voglio dare anche a quest'ultimo quanto a te: non posso fare delle mie cose quello che voglio? Oppure tu sei invidioso perché io sono buono?". Così gli ultimi saranno primi e i primi, ultimi»

 

21/09/2014
Bookmark and Share
Ascolta con webReader

 


0 commenti.

Per visualizzare lo spazio commenti è necessario accedere al sito.

Accedi
Nome utente
Password
 
 
Registrati | Recupera dati

Allegati

Thumbnail image for /public/upload/2014/9/635468973037827691_Immagine.jpg
Foto di una piazza di paese con la gente in attesa. Di chi? Forse del famoso Godot (personaggio che non arriva mai, del teatro di Samuel Beckett)
Foto di una piazza di paese con la gente in attesa. Di chi? Forse del famoso Godot (personaggio che non arriva mai, del teatro di Samuel Beckett)
In questa sezione