Accedi oppure Registrati
Prima pagina Notizie Articoli Foto Dizionario dialettale Abystron teche Sostienici

dove
Direttore: Pio G. Sangiovanni Credits | Privacy
14:12
Martedì
11/08/2020
Traduci English Français Español Deutsch Portuguese
Sei in /Calabria/2011/Buonvicino

Lavori sospesi. E a Buonvicino i cittadini si mobilitano su fb: «quella strada comunale diventata una mulattiera»

BUONVICINO - Si sta diffondendo sempre più l'uso dei social network per evidenziare problemi, denunciare emergenze e disservizi da parte dei cittadini che richiamano così l'attenzione generale anche negli angoli più remoti del mondo. E' quanto succede a Buonvicino, che certamente non è un angolo remoto della terra ma dove, comunque, un gruppo di cittadini residenti in una contrada hanno avviato un'azione di protesta per chiedere il ripristino della viabilità comunale dopo che l'opera iniziata pare sia stata inopinatamente sospesa. Ecco di seguito il comunicato che ci è stato trasmesso  corredato anche di un video-documentario caricato su fb.

«Da un pò di giorni impazza su Facebook e non solo, la dignitosa protesta di un gruppo di cittadini di Buonvicino che, stufi dei disagi provocati, hanno fatto sentire la propria voce.Tutto questo riguarda i cittadini della contrada Urmo - Ferraro - Previtelio che, ormai esausti per la grave situazione creata dal rifacimento della loro arteria principale hanno deciso di mobilitarsi.Gli stessi in una nota pubblicata sulla pagina facebook Buonvicino Reportage e in un articolo sul quotidiano della Calabria ribadiscono il loro malumore. " Dicevano che da lì a poco le nostre strade avrebbero fatto invidia alla Francia di Napoleone. Ebbene da lì a poco le nostre strade fanno invidia solo ai film di Comencini del dopoguerra".
Il rimedio posto , grazie ai finanziamenti pubblici concessi per divina intercessione, è peggiore del danno originario. Mesi orsono hanno avuto inizio i lavori di riassetto e riorganizzazione della strada comunale Urmo- Ferraro-Previtelio.
Interventi di tipo strutturale ne hanno visto l'allargamento in alcuni punti, la costruzione di muri di sostegno in altri ( con qualche eccezione per muri di abbellimento più che di sostegno per rendere gradevole all'occhio la traversata!!!!) , lo smantellamento del manto stradale in altri ancora.
Sebbene le logiche di alcuni interventi lasciavano perplessi, ma si sa all'estro geniale non c'è limite, si era ben fiduciosi che quanto prima le nostre strade sarebbero state finalmente sistemate e che si sarebbe potuto viaggiare senza dover fare lo slalom per evitare le buche e con il valore aggiunto dell'allargamento.

E con un pizzico di soddisfazione personale per ogni contribuente che vedeva tornare i soldi, spesi in tasse ,sotto forma di servizi alla collettività!!!!
Ebbene! Ad oggi la situazione reale è a dir poco disastrosa! I Lavori sono stati bruscamente, e per noi cittadini inspiegabilmente, interrotti lasciando la strada in uno stato di degrado a cui mai si sarebbe potuto pensare: piena di buche grandi come crateri, sterrata in alcuni punti, con avallamenti e disordine di ogni tipo, e come se ciò da solo non bastasse a rendere l'idea del disastro è piena di sassi e terriccio nella maggior parte dei tratti.
Il disagio di doverci transitare è enorme e gravemente pregiudizievole per i mezzi che si usurano a causa dei danni che subiscono nel transito e ciò porta certamente un aggravio di spese per le famiglie, è nostro diritto sapere quando potremo essere trattati come cittadini normali!!intercessione, è peggiore del danno originario. Mesi orsono hanno avuto inizio i lavori di riassetto e riorganizzazione della strada comunale Urmo¬- ferraro-Previtelio.
Chi volesse visionare lo stato di abbandono della strada sulla pagina Buonvicino Reportage è presente un video dal titolo "Creuza de ma"che, prendendo spunto dalla famosa canzone di De Andrè, mette in luce il disastro provocato da una cattiva gestione della problematica.»

GUARDA IL VIDEO

25/07/2011
Bookmark and Share
Ascolta con webReader

 


0 commenti.

Per visualizzare lo spazio commenti è necessario accedere al sito.

Accedi
Nome utente
Password
 
 
Registrati | Recupera dati
In questa sezione