Accedi oppure Registrati
Prima pagina Notizie Articoli Foto Dizionario dialettale Abystron teche Sostienici

dove
Direttore: Pio G. Sangiovanni Credits | Privacy
21:10
Domenica
05/04/2020
Traduci English Français Español Deutsch Portuguese
Sei in /Italia/2007/Il simbolo del PD

Tricolore e ramoscello di ulivo: il simbolo del PD

POLITICA - Tricolore e ramoscello di ulivo. Ecco il nuovo simbolo del Pd. Alla presentazione del logo del partito presente tutto il direttivo del Pd poi Bindi e Letta. In mattinata il segretario lo aveva mostrato a palazzo Chigi e al Senato a Anna Finocchiaro. Lo ha disegnato un ragazzo di 25 anni, molisano, Nicola Storto che ha detto: "Ho pensato subito alla bandiera italiana".
Veltroni: "In 24 giorni sono successe tante cose. La più importante è la fine della Cdl".
(Nella foto il simbolo del Partito democratico)

ROMA - Il tricolore, la cosa più semplice, la più "italiana". Una grande P verde, una D bianca su sfondo rosso. Sotto, la scritta Partito democratico, con un piccolo ramoscello d'ulivo. Squadrato, senza fronzoli, la sequenza cromatica verde bianco e rosso del tricolore, facile da copiare, facile da memorizzare.

Sono le 17 e 15 quando Walter Veltroni tira giù un drappo verde e mostra il nuovo simbolo del Partito Democratico. "E' un bel giorno/il cielo è a portata di mano/ e tu ti senti come se fosse un bel giorno/E' un bel giorno/non lasciarlo trascorrere" dice la canzone scelta come colonna sonora, A beautiful day, gli U2.

"Sono passati 24 giorni dalla nostra incoronazione alle primarie e in 24 giorni abbiamo creato il simbolo, la sede del partito e gli organismi dirigenti ma soprattutto da un punto di vista politico molte cose sono cambiate: la più grande è la fine della Casa delle Libertà, e la consapevolezza che è venuto il tempo delle riforme costituzionali da fare insieme a quella della legge elettorale" dice il segretario mentre scopre il simbolo.

Poi impazziscono i flash. Veltroni, sempre affiancato da Franceschini, fa salire sul piccolo palco dello Spazio Etoile in piazza San Lorenzo in Lucina Ermete Realacci, responsabile comunicazione, i competitors delle primarie Rosy Bindi e Enrico Letta, e poi Soro, Bettini, il tesoriere e i venti membri del comitato direttivo del Pd. L'inventore del logo è Nicola Storto, un ragazzo molisano di 25 anni, un creativo che lavora per l'agenzia Area che era stata incaricata di trovare il simbolo. "Ho pensato alla bandiera italiana, ho voluto dare un messaggio di pulizia e semplicità - spiega - poi, sotto, il ramoscello d'Ulivo. Ecco, tutto qua". Tra poco saranno pronti cappellini, spillette e t-shirts.

Il nuovo simbolo piace a Letta ("giusto il tricolore"), a Rosy Bindi ("è solido, dà la sensazione di solidità"), a Realacci: "E' il simbolo di un grande partito che guarda al futuro e vuole bene all'Italia. Il partito del patriottismo dolce". In mattinata Veltroni lo aveva mostrato a Anna Finocchiaro al Senato, a palazzo Chigi. La scelta del tricolore significa che il Pd "assume su di se l'identità nazionale e della gente che vuole rappresentare". I tre colori della bandiera italiana poi "corrispondono alle tre grandi culture che sono nel Pd: il verde è la cultura ambientalista e quella laica, il bianco è il solidarismo cattolico e il rosso è la tradizione socialista. La sintesi - ha aggiunto - è molto moderna e forte".

Dopo che Forza Italia aveva strappato il colore azzurro all'identità nazionale, il Pd si prende il tricolore. Che però era in Forza Italia e resta anche nel simbolo del nuovo partito di Berlusconi. Ecco: si annuncia, sulle schede elettorali, uno scontro tra tricolori.

Fonte La Repubblica.it - (21 novembre 2007)
21/11/2007
Bookmark and Share
Ascolta con webReader

 


0 commenti.

Per visualizzare lo spazio commenti è necessario accedere al sito.

Accedi
Nome utente
Password
 
 
Registrati | Recupera dati