Accedi oppure Registrati
Prima pagina Notizie Articoli Foto Dizionario dialettale Abystron teche Sostienici

dove
Direttore: Pio G. Sangiovanni Credits | Privacy
20:28
Giovedì
06/08/2020
Traduci English Français Español Deutsch Portuguese
Sei in /Rubriche/La Locandina/2009/4^ Domenica di PASQUA (B) 2009

Il Buon Pastore solidale, valido e rassicurante

LA LOCANDINA di don Giovanni Mazzillo - In questa domenica di Pasqua campeggia la parabola del “buon pastore”, il cui concetto è spiegato dallo stesso Gesù, che si presenta come tale secondo due direzioni. Egli è il pastore completamente solidale, perché vive continuamente con noi, fino al punto di conoscere la nostra “voce” e di essere conosciuto da noi. In tal senso è il pastore “bello” (o poimèn o kalòs), cioè valido e rassicurante. Inoltre il grado illimitato con cui ha condiviso la nostra esistenza lo ha portato prima ad “esporre” la sua vita per noi e poi a darla completamente (títhēmi). Proprio perché egli ha conosciuto e conosce tutto di noi fino alla morte, noi ci afferriamo a lui, che ha vinto la morte. In lui, rigettato dagli uomini ed esaltato dal Padre (prima lettura), attraversiamo la valle orrida e oscura della morte, andando verso ciò che ancora non sappiamo come sarà, ma che sarà certamente sulla linea della somiglianza a lui (seconda lettura).

PREGHIERA
Bello sei oggi da Risorto,
in tutto il tuo splendore
e belle e adorabili, Gesù, sono quelle tue mani,
che, ferite, additano il sentiero della vita.
Bello mi appari oggi persino su quella croce,
perché l’amore tuo infinito
infinitamente trasfigura quel corpo
straziato dal dolore in un insuperabile
messaggio, che indica vincibile la morte
e lo stesso dolore, perché invincibile
è stata la tua volontà di conoscerci
fino al nostro limite estremo, che ci fa uomini
nel mentre ci atterrisce:
quell’ultima, sconfinata valle
che sembra inghiottire ogni uomo e ogni cosa.
Ah, sì, nemmeno quella valle tenebrosa
ha fermato i tuoi passi,
per raggiungerci proprio lì e strapparci da essa.
Grazie, Gesù! Alleluja! (GM/03/05/09)

Prima lettera di Giovanni (1Gv 3,1-2) - Carissimi, vedete quale grande amore ci ha dato il Padre per essere chiamati figli di Dio, e lo siamo realmente! Per questo il mondo non ci conosce: perché non ha conosciuto lui. Carissimi, noi fin d’ora siamo figli di Dio, ma ciò che saremo non è stato ancora rivelato. Sappiamo però che quando egli si sarà manifestato, noi saremo simili a lui, perché lo vedremo così come egli è.

Vangelo di Giovanni (10,11-18) - In quel tempo, Gesù disse: «Io sono il buon pastore. Il buon pastore dà la propria vita per le pecore. Il mercenario – che non è pastore e al quale le pecore non appartengono – vede venire il lupo, abbandona le pecore e fugge, e il lupo le rapisce e le disperde; perché è un mercenario e non gli importa delle pecore. Io sono il buon pastore, conosco le mie pecore e le mie pecore conoscono me, così come il Padre conosce me e io conosco il Padre, e do la mia vita per le pecore. E ho altre pecore che non provengono da questo recinto: anche quelle io devo guidare. Ascolteranno la mia voce e diventeranno un solo gregge, un solo pastore. Per questo il Padre mi ama: perché io do la mia vita, per poi riprenderla di nuovo. Nessuno me la toglie: io la do da me stesso. Ho il potere di darla e il potere di riprenderla di nuovo. Questo è il comando che ho ricevuto dal Padre mio».

Salmo 23,1.4 - Il Signore è il mio pastore… Quand'o camminerò nella valle dell'ombra della morte, io non temerò alcun male, perché tu sei con me; il tuo bastone e la tua verga mi danno sicurezza».

02/05/2009
Bookmark and Share
Ascolta con webReader

 


0 commenti.

Per visualizzare lo spazio commenti è necessario accedere al sito.

Accedi
Nome utente
Password
 
 
Registrati | Recupera dati
In questa sezione