Accedi oppure Registrati
Prima pagina Notizie Articoli Foto Dizionario dialettale Abystron teche Sostienici

dove
Direttore: Pio G. Sangiovanni Credits | Privacy
07:36
Lunedì
10/08/2020
Traduci English Français Español Deutsch Portuguese
Sei in /Rubriche/La Locandina/2009/5^ Domenica di quaresima B - 2009

Gesù accetta liberamente la morte e la sepoltura per risorgere e portare frutti

LA LOCANDINA di don Giovanni Mazzillo - È l’ultima domenica prima della domenica delle palme. Da Gesù l’immagine del frumento è stata rievocata nella predicazione del Regno di Dio, in tutte le sue fasi: dai chicchi caduti sui vari terreni a quelli già macinati e diventati farina messa a lievitare, al pane stesso chiesto al Padre o all’amico. Nel Vangelo di oggi c’è qualcosa di più. Il grano diventa l’immagine che riassume l’intera vita di Gesù. Soprattutto riassume ed esprime simbolicamente il senso della sua fine imminente: come il grano per portar frutto deve andare sotto terra e da lì germogliare per essere cibo per gli uomini, così Gesù accetta liberamente la morte e la sepoltura per risorgere e portare frutti di salvezza per tutti. La sua “obbedienza”, di cui parla la lettera agli Ebrei, è assecondare questa legge iscritta nella natura delle cose e in quella natura umana che egli ha assunto senza riserve. Arditamente il testo parla di qualcosa che Gesù ha “imparato”: l’obbedienza. In realtà si tratta dell’apprendimento della sofferenza, dell’abbandono, della morte, scritta ormai anche nel cuore di Dio, così come la sua “legge” sarà sempre nel cuore d’ogni uomo (prima lettura). Abbiamo un Dio che è arrivato fino a questo punto: a voler imparare cosa significhi soffrire e morire.
(L’immagine mette insieme un’icona di Gesù, circondato dal giallo oro del colore delle spighe mature, e due vasi colmi di steli di grano germogliati da poco)

PREGHIERA
In quel giorno a quell’ora,
alla quale ti stai preparando,
non ci sarà alcuna preghiera per te,
o mio Dio, né incenso che salirà verso l’alto,
né sacerdoti affaccendati in culti ed antichi rituali.
Scomparirà persino l’altare
in quel venerdì in cui accompagnerai con lo sguardo,
forse per un attimo ancora,
l’ondeggiare degli steli di grano nei campi
che giovani e verdi è come se volessero
fare un ultimo inchino
a chi dà ai chicchi la forza
per bucare l’involucro e affacciarsi oltre le zolle,
tracimando verso la vita per dare la vita …
Vorranno dirti quegli steli, almeno loro,
di non temere la morte, perché proprio essi
ne hanno prevenuto la sorte, imparando
nell’attesa al freddo e al buio
che la vita è appesa ad un filo,
ma quel filo non si spezza,
perché è forte dell’eternità dell’amore di Dio. (GM/29/03/09)

Vangelo secondo Giovanni (12,20-33) - In quel tempo, tra quelli che erano saliti per il culto durante la festa c’erano anche alcuni Greci. Questi si avvicinarono a Filippo, che era di Betsàida di Galilea, e gli domandarono: «Signore, vogliamo vedere Gesù». Filippo andò a dirlo ad Andrea, e poi Andrea e Filippo andarono a dirlo a Gesù. Gesù rispose loro: «È venuta l’ora che il Figlio dell’uomo sia glorificato. In verità, in verità io vi dico: se il chicco di grano, caduto in terra, non muore, rimane solo; se invece muore, produce molto frutto. Chi ma la propria vita, la perde e chi odia la propria vita in questo mondo, la conserverà per la vita eterna. Se uno mi vuole servire, mi segua, e ove sono io, là sarà anche il mio servitore. Se uno serve me, il Padre lo onorerà. Adesso l’anima mia è turbata; che cosa dirò? Padre, salvami a quest’ora? Ma proprio per questo sono giunto a quest’ora! Padre, glorifica il tuo nome». Venne allora una voce dal cielo: «L’ho glorificato e lo glorificherò ancora!». La folla, che era presente e aveva udito, diceva che era stato un tuono. Altri dicevano: «Un angelo gli ha parlato». Disse Gesù: «Questa voce non è venuta per me, ma per voi. Ora è il giudizio di questo mondo; ora il principe di questo mondo sarà gettato fuori. E io, quando sarò innalzato da terra, attirerò tutti a me». Diceva questo per indicare di quale morte doveva morire. terra, attirerò tutti a me». Così diceva per indicare di qual morte doveva morire.

Ebrei (5,7-9) - Cristo, nei giorni della sua vita terrena, offrì preghiere e suppliche, con forti grida e lacrime, a Dio che poteva salvarlo da morte e, per il suo pieno abbandono a lui, venne esaudito. Pur essendo Figlio, imparò l’obbedienza da ciò che patì e, reso perfetto, divenne causa di salvezza eterna per tutti coloro che gli obbediscono. Ger 31,31-34 - … Questa sarà l’alleanza che concluderò con la casa d’Israele dopo quei giorni – oracolo del Signore –: porrò la mia legge dentro di loro, la scriverò sul loro cuore. Allora io sarò il loro Dio ed essi saranno il mio popolo…

29/03/2009
Bookmark and Share
Ascolta con webReader

 


0 commenti.

Per visualizzare lo spazio commenti è necessario accedere al sito.

Accedi
Nome utente
Password
 
 
Registrati | Recupera dati
In questa sezione