Accedi oppure Registrati
Prima pagina Notizie Articoli Foto Dizionario dialettale Abystron teche Sostienici

dove
Direttore: Pio G. Sangiovanni Credits | Privacy
20:49
Sabato
19/09/2020
Traduci English Français Español Deutsch Portuguese
Sei in /Calabria/Precedenti/Parco del Pollino/Comunicato CoSA

Comunicato stampa del CoSA

Riceviamo e pubblichiamo, il seguente comunicato del CoSA (Comitato Salute e Ambiente) del Pollino riguardante la gestione del Parco nazionale.

Da quando si è insediato il nuovo governo di centro sinistra, l’attuale Ministro dell’Ambiente ha aperto negoziati per “sanare” situazioni di disagio in altri Parchi italiani mentre su quello del Pollino, il più grande Parco d’Europa, è calato un sinistro silenzio.

Il Cosa Pollino insieme alle associazioni e ai cittadine delle due regioni, hanno prodotto un appello (consultabile su http://www.olambientalista.it/salviamoilpollino.htm) nel quale si auspicava di dare al Parco Nazionale del Pollino la classe dirigente che merita, cioè adeguata, competente e di elevato profilo culturale e professionale.

Gli stessi firmatari temono fortemente che questo silenzio sia ancora una volta sintomo di trattative tra segreterie di partito, per nominare l’ ennesimo politico trombato alla presidenza del Parco.

Non possono che trovarci d’accordo le dichiarazioni, pubblicate sull’Eco di Basilicata, dell’Europarlamentare Pittella sulla necessità di dare al Parco del Pollino le migliori professionalità che offre l’Europa.

Siamo certi che solo in questo modo il Parco, non sarà più solo un baraccone politico-burocratico ma effettivamente ciò che con questo termine i cittadini del mondo (compresi quelli del terzo mondo) intendono.

Solo una gestione di buon senso potrà invertire l’attuale tendenza di degrado culturale e ambientale del territorio, (che è sotto gli occhi di tutti, compresi le migliaia di visitatori nazionali ed internazionali), che causa imbarazzo ai cittadini e alle centinaia di operatori turistici.

La riconversione della falsa centrale a biomasse del Mercure, come tante altre contraddizioni, è solo l’esempio più eclatante della assoluta mancanza di competenza. La questione di questa Centrale, se fosse stata affrontata sotto gli aspetti giuridici e ambientali, di convenienza energetica, di compatibilità con lo sviluppo turistico e dell’agricoltura di qualità, non avrebbe avuto senso di esistere ed avrebbe aperto la via alla ricerca di alternative reali e concrete per lo sviluppo del territorio.

CoSA Pollino

Rotonda 14 settembre 2006

15/09/2006
Bookmark and Share
Ascolta con webReader

 


1 commenti.

Per visualizzare lo spazio commenti è necessario accedere al sito.

Accedi
Nome utente
Password
 
 
Registrati | Recupera dati