Accedi oppure Registrati
Prima pagina Notizie Articoli Foto Dizionario dialettale Abystron teche Sostienici

dove
Direttore: Pio G. Sangiovanni Credits | Privacy
21:01
Sabato
19/09/2020
Traduci English Français Español Deutsch Portuguese
Sei in /Calabria/Precedenti/Parco del Pollino/Problema cinghiali

Autorizzato l'abbattimento di cinghiali

Il Consiglio direttivo del Parco nazionale del Pollino ha dato via libera all’abbattimento selettivo dei cinghiali all’interno dell’area del protetta. La decisione è stata assunta a maggioranza dall’organo istituzionale dell’Ente parco giovedì 29 luglio ’04 e rappresenta certamente un modo per tentare di dare una risposta certa ad un problema, quello della sovrappopolazione di questa specie di ungulati che è comune un po’ a tutti i parchi italiani.
Il Consiglio direttivo dell’Ente parco ha dato mandato al Direttore del Parco di redigere, entro il prossimo 30 settembre, una ipotesi tecnico-amministrativa di criteri attuativi che dovrà essere sottoposta successivamente all’organo di governo del parco del Pollino. La questione dell’aumento abnorme della popolazione dei cinghiali all’interno dell’area protetta, con i conseguenti negativi effetti sulle popolazioni a causa dei danni a volte ingenti che essi provano soprattutto all’agricoltura, era stato più volte sollevato da diversi Comuni e da associazioni professionali degli agricoltori. Si tratterà adesso di vedere come tecnicamente si passerà alla fase attuativa, sul modo in cui essa verrà gestita dagli organismi competenti, a cominciare dal Corpo Forestale dello Stato, e sul tipo di coinvolgimento da riservare ai vari gruppi di cacciatori presenti sul territorio.
Dal canto suo il Presidente della Comunità del Parco Gaetano Palermo, nell’apprezzare l’accelerazione impressa dal Direttivo che va nella direzione di questo grave problema, ha anche auspicato che lo stesso organo istituzionale si occupi a breve anche della proposta di riperimetrazione da tempo deliberata dall’assemblea della Comunità che raggruppa tutti i sindaci dei 56 comuni, i presidenti delle comunità montane, delle province di Cosenza, Potenza e Matera ed i rappresentanti della Regione Calabria e Basilicata.
(san.pio.gio.)
30/07/2004
Bookmark and Share
Ascolta con webReader

 


0 commenti.

Per visualizzare lo spazio commenti è necessario accedere al sito.

Accedi
Nome utente
Password
 
 
Registrati | Recupera dati