Accedi oppure Registrati
Prima pagina Notizie Articoli Foto Dizionario dialettale Abystron teche Sostienici

dove
Direttore: Pio G. Sangiovanni Credits | Privacy
21:25
Venerdì
28/02/2020
Traduci English Français Español Deutsch Portuguese
Sei in /Rubriche/La Locandina/28° Domenica (c)

Un'invocazione ci salverà ...

Se dalla settimana scorsa a qualcuno di noi fosse rimasto ancora il dubbio, che cosa voglia dire aver fede quanto un granello di senapa, il Vangelo di questa domenica sembra rispondere con un esempio bene preciso: quello di uno dei dieci lebbrosi guariti, l’unico che torna sui suoi passi per ringraziare Gesù. A lui il Signore risponde «Alzati e và; la tua fede ti ha salvato!».
Salvato allora due volte: dalla malattia del corpo e da quell’altra invisibile, ma ugualmente ripugnante malattia che si chiama con tanti nomi, ma dei quali due sono i più comuni: egoismo e ingratitudine. È anche vero che il grande bisogno, al pari delle più coinvolgenti emozioni, fa scattare il corto circuito del pensare solo a se stessi e dell’essere infelici o felici da soli. Ma in fondo è proprio questa la seconda malattia, dalla quale può salvarci solo una fede che guarda verso l’alto e verso gli altri.

28^ Domenica dell’anno (c)

In ogni gruppo
solo alcuni sono ancora
capaci di rapporti umani
quando troppo intensi
sono il dolore o la gioia.
Un gruppo di lebbrosi guariti
non fa eccezione.
Uno solo viene a ringraziarti,
ma sarà il più fortunato.
Non vedrà rifiorita solo la sua carne,
ma tra le tue braccia, che lo sollevano da terra,
ritroverà il calore di un affetto
e vedrà occhi che amano,
cose che non sapeva più che esistessero.
(GM 01/10/04)

Vangelo di Luca (17,11-19) «Durante il viaggio verso Gerusalemme, Gesù attraversò la Samaria e la Galilea. Entrando in un villaggio, gli vennero incontro dieci lebbrosi i quali, fermatisi a distanza, alzarono la voce, dicendo: "Gesù maestro, abbi pietà di noi!". Appena li vide, Gesù disse: "Andate a presentarvi ai sacerdoti".
E mentre essi andavano, furono sanati. Uno di loro, vedendosi guarito, tornò indietro lodando Dio a gran voce; e si gettò ai piedi di Gesù per ringraziarlo. Era un Samaritano. Ma Gesù osservò: "Non sono stati guariti tutti e dieci? E gli altri nove dove sono? Non si è trovato chi tornasse a render gloria a Dio, all'infuori di questo straniero?". E gli disse: "Alzati e và; la tua fede ti ha salvato!"».
08/10/2004
Bookmark and Share
Ascolta con webReader

 


1 commenti.

Per visualizzare lo spazio commenti è necessario accedere al sito.

Accedi
Nome utente
Password
 
 
Registrati | Recupera dati
In questa sezione