Accedi oppure Registrati
Prima pagina Notizie Articoli Foto Dizionario dialettale Abystron teche Sostienici

dove
Direttore: Pio G. Sangiovanni Credits | Privacy
20:19
Sabato
19/09/2020
Traduci English Français Español Deutsch Portuguese
Sei in /Calabria/Precedenti/Notizie/Disagi maltempo

Famiglie denunciano gravi disagi per maltempo

ORSOMARSO - Fra i numerosi disagi e danni provocati dalle abbondanti piogge che da qualche giorno interessano il comprensorio alto tirrenico vi sono quelli segnalatici da alcune famiglie residenti nella contrada Marina del comune di Orsomarso giunte all’esasperazione a causa anche del disinteresse che hanno riscontrato da parte delle istituzioni, a cominciare dal Comune.
“Sono tre anni – denuncia visibilmente infuriata Maria Fortunato – che abbiamo segnalato alle autorità competenti i gravissimi disagi che puntualmente dobbiamo sopportare ogni volta che si verificano forti piogge che ci impediscono di uscire di casa a causa dell’acqua, del fango e della melma che invade la strada che attraversa la nostra contrada”.
La questione è sorta in seguito all’apertura di una cava a monte della ex strada provinciale per Orsomarso che corre proprio a ridosso delle civili abitazioni delle famiglie Fortunato e Adduci che da tempo hanno fatto rilevare anche con documentazione fotografica, le situazioni di pericolo incombente ed i danni che hanno già subito i loro terreni, invasi ormai periodicamente da veri e propri torrenti d’acqua e detriti che, non essendoci un’adeguata canalizzazione, invadono la strada rurale rendendo praticamente impossibile ogni spostamento.
“Una situazione assolutamente insostenibile – prosegue Maria Fortunato – alla quale c’è da aggiungere il doverci sentire presi in giro dall’atteggiamento di insensibilità degli amministratori comunali che abbiamo sollecitato in tutti i modi ma che sembra ci abbiano completamente abbandonati al nostro destino. Non sappiamo ormai più cosa fare, chiediamo aiuto a chiunque possa intervenire in qualche modo perché noi non possiamo più andare avanti così”.
Un’autentica emergenza che diventa, se possibile, ancora più preoccupante se si considera che in una di queste famiglie vive un disabile che ha bisogno di continua assistenza da parte di personale specializzato che deve recarsi sul posto ed è quasi impossibilitato a superare il mare di acqua, fango e detriti che invadono la sede stradale.
19/09/2006
Bookmark and Share
Ascolta con webReader

 


0 commenti.

Per visualizzare lo spazio commenti è necessario accedere al sito.

Accedi
Nome utente
Password
 
 
Registrati | Recupera dati
In questa sezione