Accedi oppure Registrati
Prima pagina Notizie Articoli Foto Dizionario dialettale Abystron teche Sostienici

dove
Direttore: Pio G. Sangiovanni Credits | Privacy
22:23
Giovedì
17/10/2019
Traduci English Français Español Deutsch Portuguese
Sei in /Orsomarso/POLITICA LOCALE/Il confronto

La piazza di Orsomarso laboratorio politico. Positiva l'esperienza di confronto fra i candidati a sindaco

ORSOMARSO - Un incontro all'insegna del rispetto reciproco e della pacatezza. Insomma, se si dovesse usare il linguaggio tecnico della scherma, fioretto e non spada. Così si può sintetizzare l'atteso confronto pubblico svoltosi ieri sera (mercoledì 21 maggio) in piazza Municipio fra Stefano Sangiovanni, Antonio De Caprio e Angelo Paravati, candidati alla carica di sindaco di Orsomarso alle prossime elezioni amministrative in programma domenica 25 maggio 2014. Nel ruolo di moderatore è stato chiamato il Direttore di Radio One Eugenio Orrico che ha svolto il proprio compito in modo equilibrato e professionale, sicuramente agevolato dall'atteggiamento dei tre contendenti e dalla grande compostezza del pubblico di cittadini che gremivano la piazza ed hanno seguito in religioso silenzio tutti gli interventi che si sono alternati e ai quali sono stati sempre riservati applausi bipartisan. Insomma l'esperimento, assolutamente innovativo per la politica orsomarsese, di un confronto con la presenza di tutti i candidati, lanciato da Stefano Sangiovanni, è perfettamente riuscito e ha dato la possibilità ai cittadini di ascoltare le diverse impostazioni programmatiche e le motivazioni che hanno spinto i candidati a proporsi, insieme alla propria lista per l'amministrazione del Comune nel prossimo quinquennio.

Le domande proposte a Sangiovanni, De Caprio e Paravati dal moderatore hanno toccato tutte le grandi questioni che investono la comunità di Orsomarso ed il suo territorio: emergenza occupazionale; gestione delle risorse presenti in questo che è uno dei comuni più estesi della Provincia di Cosenza, interventi per superare l'emergenza viabilità nelle contrade; la carenza di servizi socio-assistenziali; trasporti; interventi per rilanciare una politica scolastica che sostenga gli sforzi di docenti e famiglie e che dia decoro ad una istituzione pubblica che rappresenta un vero e proprio baluardo per il mantenimento dell'identità e l'autonomia dei paesi dell'entroterra, esposti sempre più al rischio spopolamento; le grandi idee progettuali di infrastrutture per superare la fase di crisi acuta rilanciando tutti i settori produttivi e sostenendo i cittadini che hanno voglia di mettersi in gioco promuovendo iniziative imprenditoriali autonome; le politiche a sostegno delle famiglie, dei giovani, di rilancio della cultura attraverso la promozione della ricerca storica ed il recupero delle tradizioni. Uno sguardo, insomma, a 360 gradi che ha consentito anche ai candidati di esprimere le proprie opinioni, offrendo prospettive concrete di possibili soluzioni.

Al termine, naturalmente, oltre ai complimenti reciproci scambiatisi fra i protagonisti e i loro supporters, molti dei presenti si sono sbizzarriti nell'esercizio dei sondaggi sul gradimento e sulla performance dei singoli candidati alla carica di sindaco. Sicuramente la palma del più brillante e politicamente spigliato, è andata a Stefano Sangiovanni che è riuscito a sviluppare un ragionamento molto efficace per la chiarezza e coerenza di contenuti specifici ed idealità politica. Tuttavia anche Antonio De Caprio e Angelo Paravati hanno espresso al meglio le loro qualità relazionali e oratorie contribuendo sicuramente ad elevare il livello dei contenuti del dibattito.

Un'ultima considerazione va infine fatta sull'evento in generale che ha dimostrato che si può dialogare e confrontarsi anche aspramente, senza però perdere mai il senso civico del rispetto reciproco e dell'educazione. Un messaggio forte e chiaro che è stato lanciato proprio dalla piazza di Orsomarso da dove, qualcuno si è spinto ad affermare, è partito un vero e proprio laboratorio politico; la politica però nel senso più nobile del termine, come alto esercizio di libertà e di democrazia. Una bella novità, dunque, se si considerano le becere e paludate logiche ed intrecci torbidi, conditi di urla sguaiate e spettacoli rivoltanti che l'hanno caratterizzata per un lungo tratto della storia italiana.

Pio G. Sangiovanni
22/05/2014
Bookmark and Share
Ascolta con webReader

 


11 commenti.

Per visualizzare lo spazio commenti è necessario accedere al sito.

Accedi
Nome utente
Password
 
 
Registrati | Recupera dati
In questa sezione