Accedi oppure Registrati
Prima pagina Notizie Articoli Foto Dizionario dialettale Abystron teche Sostienici

dove
Direttore: Pio G. Sangiovanni Credits | Privacy
12:55
Giovedì
09/04/2020
Traduci English Français Español Deutsch Portuguese
Sei in /Orsomarso/2004/Palumba

Premiata la scuola media di Orsomarso

una scena I ragazzi della Scuola Media di Orsomarso vincono il primo premio per la migliore interpretazione, alla rassegna teatrale “La maschera di Giangurgolo”, svoltasi a Diamante la scorsa settimana. Sulla scena è stato portato “Palumba” di Ciccio De Marco, che è stata rappresentata da 11 alunni della classe terza, due della seconda e uno della prima media che avevano a lungo lavorato in tanti pomeriggi, seguiti con grande impegno dai vari insegnanti, per trovare quella giusta armonia espressiva capace di rendere al meglio la trama.
La scena è stata allestita in una delle piccole piazzette del caratteristico centro storico di Diamante, all’aperto, in un ambiente perfettamente intonato con lo sviluppo della rappresentazione che è stata recitata dai ragazzi in un perfetto dialetto orsomarsese ed è stato seguito da un numerosissimo pubblico composto, naturalmente, dai genitori e da amici dei giovani attori, ma anche da tanti appassionati provenienti da Diamante e da altri paesi vicini. scena “Palumba” è una giovane donna di un paesino sperduto del Sud, sposata con un rampollo di una famiglia dell’onorata società, con il quale però non sembra andare per niente d’accordo, tanto da allacciare una relazione segreta, non molto per la verità, con “u privissuru”, misterioso giovanotto arrivato da poco in paese proveniente da Milano, attratto, come lui dice, dall’aria buona e dalla salubrità del clima. scena
Purtroppo per la giovane amante, che era disposta a seguirlo in capo al mondo, “u privissuru” si rivelerà un noto pregiudicato, ricercato da molto tempo dalle forze dell’ordine e che verrà arrestato proprio nella piazza del paese, mentre era in sua compagnia.
Attorno a questa vicenda si intreccia la vita della piazza del piccolo e anonimo centro: il bar di Giovanni attorno al quale si riuniscono le donne che, mentre lavorano a maglia, parlano delle loro vicende quotidiane, dei difetti, vizi e virtù proprie ed altrui. Un quadretto davvero ben costruito dove non potevano mancare il vigile urbano, messo notificatore e factotum del Comune, il vecchio con l’immancabile bastone, sempre pronto ad inserirsi in tutti i discorsi con le sue sentenze e massime della saggezza popolare, oltre ad un altro classico dei piccoli paesi, l’ubriaco con la sua fiaschetta di vino che racconta anche lui, a modo suo, altre verità inconfessate dal resto del mondo.
applausi Insomma, una realizzazione veramente pregevole che ha divertito moltissimo il pubblico ed ha riscosso notevoli consensi di critica, per la qualità della recitazione e la capacità e naturalezza con la quale i ragazzi hanno tenuto la scena.
Un bravo, dunque, ad alunni ed insegnanti con la promessa e l’impegno che “Palumba” possa essere rappresentata nel corso della prossima estate anche nella piazza di Orsomarso.

(P.G. S. - Orsomarso, 5 giugno 2004)
P.G.S.
05/06/2004
Bookmark and Share
Ascolta con webReader

 


1 commenti.

Per visualizzare lo spazio commenti è necessario accedere al sito.

Accedi
Nome utente
Password
 
 
Registrati | Recupera dati
In questa sezione