Accedi oppure Registrati
Prima pagina Notizie Articoli Foto Dizionario dialettale Abystron teche Sostienici

dove
Direttore: Pio G. Sangiovanni Credits | Privacy
13:55
Martedì
05/07/2022
Traduci English Français Español Deutsch Portuguese
Sei in /Orsomarso/2007/Politica/Commissario ad acta

Si è insediato al Comune il Commissario ad Acta

ORSOMARSO - È giunto al Comune di Orsomarso il Commissario ad Acta nominato dal Prefetto di Cosenza in seguito alla mancata approvazione del riequilibrio di bilancio da parte del Consiglio comunale. Domenico Giordano, questo il nome del funzionario dell’autorità di Governo, è giunto ieri mattina di buon ora e si è immediatamente attivato per predisporre l’approvazione degli atti rimasti in sospeso. Adempimenti per i quali il Prefetto aveva già diffidato il civico consesso il 4 ottobre scorso a provvedere entro 20 giorni pena l’attivazione delle procedure di scioglimento e nomina di un Commissario straordinario che gestirà l’Ente fino a nuove elezioni amministrative anticipate.

Come si ricorderà, la maggioranza guidata dal sindaco Angelo Paravati il 24 ottobre, termine improrogabile indicato dal Prefetto di Cosenza, in una seduta per certi versi drammatica del Consiglio comunale si era praticamente sfaldata e non era riuscita a concludere niente, sciogliendosi per mancanza del numero legale, a causa dell’improvviso abbandono del vicesindaco Alfonso Papa e dell’assessore al Territorio Antonio Papa. Un epilogo sorprendente ma non del tutto inatteso se si considera il fatto che nelle settimane e nei mesi scorsi vi era stato un vero e proprio stillicidio di eventi che avevano acuito le profonde divisioni all’interno della compagine amministrativa e della stessa Giunta municipale composta, oltre che dai due Papa, anche dagli assessori Angelo Nepita e Arianna Sisinno.

Il dott. Domenico Giordano approverà nei prossimi giorni sia il provvedimento di salvaguardia dell’equilibrio di bilancio, che il riconoscimento dei debiti fuori bilancio dei quali non si conosce la reale entità, anche se si parla di una somma superiore ai 60 mila euro. Un indebitamento che, comunque, non dovrebbe rappresentare un grosso problema per l’Ente in quanto lo stesso sembra abbia sufficienti risorse finanziarie disponibili per far fronte alle nuove esigenze.

Al termine dell’intervento del Commissario ad Acta, il Prefetto dovrebbe procedere con la notifica della sospensione dalla carica dei Consiglieri comunali, la nomina del Commissario prefettizio, che potrebbe essere lo stesso Giordano, e la contestuale proposta al Ministro degli Interni di scioglimento del Consiglio comunale per i motivi previsti dalla vigente normativa.

san. pio gio.
30/10/2007
Bookmark and Share
Ascolta con webReader

 


35 commenti.

Per visualizzare lo spazio commenti è necessario accedere al sito.

Accedi
Nome utente
Password
 
 
Registrati | Recupera dati
In questa sezione