Accedi oppure Registrati
Prima pagina Notizie Articoli Foto Dizionario dialettale Abystron teche Sostienici

dove
Direttore: Pio G. Sangiovanni Credits | Privacy
15:31
Mercoledì
10/08/2022
Traduci English Français Español Deutsch Portuguese
Sei in /Orsomarso/2007/Politica/Consiglio sul Psc

Domani un Consiglio comunale interlocutorio?

ORSOMARSO - Il Consiglio comunale convocato per domani mattina alle ore 9 fornirà finalmente elementi di chiarezza sulla crisi politica che investe il Comune di Orsomarso? Sono in molti a chiederselo, tenendo conto che, nonostante gli atteggiamenti rassicuranti e tendenti a sdrammatizzare, la situazione ed il clima generale all’interno dell’Amministrazione comunale di Orsomarso restano sempre tesi ed ingarbugliati.

A distanza di un mese ormai dalla lettera di azzeramento da parte del sindaco Angelo Paravati, delle deleghe gestite dagli assessori comunali e dell’annunciato piano di riorganizzazione generale della macchina amministrativa ed esecutiva del Comune, non ci sono infatti novità di alcun genere, anzi, da quanto trapela dagli atteggiamenti degli esponenti della maggioranza, sembra esserci una frattura netta fra coloro che chiedono cambiamenti profondi della squadra di Giunta e quelli che non hanno accettato di buon grado l’iniziativa del primo cittadino e chiedono che il chiarimento avvenga senza andare a modificare gli equilibri esistenti.

Posizioni inconciliabili che allo stato attuale paralizzano l’attività amministrativa dell’Ente, come dimostra il fatto che le uniche delibere approvate in questo primo mese del 2007 hanno riguardato soltanto atti dovuti o di ordinaria amministrazione. È il caso, ad esempio, delle delibere n. 3 e 4 del 19 gennaio scorso con le quali si richiede la proroga dei lavoratori socialmente utili in forze da diversi anni presso il Comune di Orsomarso.

A tale proposito non sembra irrilevante ed è, al contrario, illuminante rispetto al clima che si respira al Palazzo municipale di Via Porta la Terra, la dichiarazione che l’assessore Papa Antonio (nella foto accanto) ha rilasciato e che è stata allegata all’atto deliberativo come parte integrante di esso: “Il nostro compito come politici – afferma – penso che sia la determinazione ferma e perseverante di impegnarsi per il bene comune; ossia per il bene di tutti e di ciascuno, perché tutti siano veramente responsabili di tutti. Oggi la mia presenza in giunta è dovuta a questo. Se non fossi venuto, sarei stato un irresponsabile di fronte a questi nostri lavoratori socialmente utili, ai quali va tutta la mia stima e solidarietà, sperando che la Regione Calabria possa stabilizzarli nel più breve tempo possibile”.

Tutto al punto di partenza quindi? Non è dato saperlo, in virtù anche delle voci contrastanti che si rincorrono giorno per giorno e che prevedono, ora eventi clamorosi e subito dopo il loro esatto contrario, vale a dire la più totale continuità, con ogni esponente della Giunta saldamente al suo posto, comprese le deleghe rimosse. Per la cronaca, la seduta consiliare di domani si occuperà di un punto non rinviabile; il recepimento del Piano strutturale comunale.

san. pio gio.
29/01/2007
Bookmark and Share
Ascolta con webReader

 


0 commenti.

Per visualizzare lo spazio commenti è necessario accedere al sito.

Accedi
Nome utente
Password
 
 
Registrati | Recupera dati
In questa sezione