Accedi oppure Registrati
Prima pagina Notizie Articoli Foto Dizionario dialettale Abystron teche Sostienici

dove
Direttore: Pio G. Sangiovanni Credits | Privacy
21:23
Giovedì
26/11/2020
Traduci English Français Español Deutsch Portuguese
Sei in /Calabria/Precedenti/Notizie/Notizie 2008/Entusiasmo per i buonvicinesi

Trionfo della cultura popolare e della creatività

BUONVICINO - È il trionfo della cultura popolare, della fantasia e dell’inventiva contro ogni forma di conformismo e di appiattimento su modelli televisivi e impomatati. Sembra essere questa la sensazione che si percepisce all’indomani della spettacolare e vittoriosa performance di Filippo Greco e Giuseppe Maiolino, i due cittadini di Buonvicino che sabato scorso hanno sbancato la Corrida, popolare trasmissione televisiva di Canale 5. È stata una festa memorabile per il piccolo centro montano alto tirrenico la cui comunità si è raccolta in piazza S. Ciriaco per seguire sullo schermo gigante allestito dal Comune, le gesta dei propri eroi, prima con trepidazione e poi sciogliendosi in un tripudio collettivo.

Tutti contenti alla fine, a cominciare naturalmente dal falegname Filippo Greco che si è esibito al ritmo di tarantella con il suo originalissimo strumento a sega, da lui stesso inventato quasi per caso, come ha avuto modo di spiegare nel corso della trasmissione condotta da Gerry Scotti e prima di eseguire quella che è forse la musica più universalmente nota che meglio rappresenta la gente del Sud nel mondo. Un ritmo ammaliante, che coinvolge e trascina in un vortice sempre più sfrenato nel quale, mentre le note dell’organetto suonato magistralmente dal giovane studente Giuseppe Maiolino si rincorrevano, saltellando anch’esse come i movimenti frenetici di questa danza quasi tribale, si è inserito l’accompagnamento perfettamente intonato del più antico degli attrezzi del falegname, una sega tradizionale sulla quale era stato opportunamente installato un tamburello, che tagliava a strisce una tavola di legno di castagno.

Un connubio perfetto, le note melodiose, variate, allegre e scintillanti della tarantella affiancate e completate dallo stridore frusciante della lama dentata dell’attrezzo del falegname che fendeva ritmicamente il legno. Il risultato artistico è stato sicuramente unico e di grande effetto ed il successo assicurato, a dimostrazione, come ha sostenuto il sindaco di Buonvicino Giuseppe Greco, che a volte basta davvero poco, la fantasia, l’entusiasmo e la capacità creativa per affermarsi presentando finalmente all’Italia un’immagine del Sud e della Calabria semplice, buona, pulita e onesta.

san. pio gio.
08/04/2008
Bookmark and Share
Ascolta con webReader

 


0 commenti.

Per visualizzare lo spazio commenti è necessario accedere al sito.

Accedi
Nome utente
Password
 
 
Registrati | Recupera dati